La Juve ha fretta: ultimatum a Conte per il rinnovo

agnelli_conte

Juve-Conte, è indubbiamente la storia di un grande amore. Parafrasando l’inno tanto caro ai tifosi bianconeri il rapporto simbiotico che c’è fra il tecnico leccese e la Signora va al di là dei contratti e di qualunque tipo di vincolo. Conte è l’artefice della rinascita della Juventus: è merito del suo lavoro, della sua grinta e della sua fame se la squadra in questi ultimi tre anni in Italia non ha avuto raccogliendo due scudetti praticamente tre se consideriamo il divario sulla Roma di 8 punti a cinque giornate dal termine.

LA JUVE HA FRETTA – Nonostante questo cammino straordinario e che quest’anno potrebbe regalare anche la vittoria di una coppa Europea come l’Europa League, la permanenza di Conte sulla panchina della Juventus non appare del tutto scontata. Il contratto fra Conte e la Signora scade nel 2015 ed entro breve la famiglia Agnelli e la dirigenza vuole capire se Antonio è intenzionato a rinnovare e a diventare davvero il “Ferguson bianconero”. Un modo per evitare la stucchevole telenovela di un anno fa quando l’allenatore salentino tenne sulle spine il club per settimane e poi con una stretta di mano teatrale si annunciò il prolungamento fino al 2015.

RESTA SENZA RINNOVO? – Stavolta però la società di Corso Galileo Ferraris non sembra intenzionata a tirarla troppo per lunghe. L’uscita di Marotta fa capire al tecnico che la pratica va chiusa in tempi brevi, presumibilmente entro le prossime tre settimane con il terzo scudetto di fila in tasca e prima di un’eventuale finale di Europa League da giocarsi in uno Stadium infuocato. Conte dal canto suo sa di essere grato alla Juventus, che lo ha scelto tre anni fa quando era solamente un promettente allenatore del Bari ma è anche molto ambizioso e dopo aver tutto in Italia vuole davvero puntare al top, puntare a vincere la Champions e magari confrontarsi con un club che ha le risorse per puntare per puntare per questo traguardo. Per questo tentenna e valuta con attenzione il domino delle panchine all’estero per individuare un progetto all’altezza delle sue ambizioni. Per ora la società più interessata è stata il Monaco, ambizioso sì ma obiettivamente un gradino sotto rispetto alla Juventus. Difficile che si aprano altri scenari in giro per l’Europa e così l’impressione è che alla fine Conte preferisca restare con un solo anno di contratto per tenersi poi la porta aperta per un’eventuale grande occasione nel 2015. La Juve però potrebbe tollerare tutto questo? Una domanda a cui ora non c’è risposta ma presto potrebbe trovarne una.

EUROSPORT