La Germania è solo Müller L’Albania vince in Portogallo

Germany v Scotland
La Germania vince soffrendo, il Portogallo si complica subito la vita perdendo al debutto in casa contro l’Albania di Gianni De Biasi, esordio da dimenticare per Ranieri sulla panchina della Grecia che si fa battere dalla Romania. Il primo turno delle qualificazioni a Euro 2016 regala brividi e sorprese. Ecco il resoconto di tutti i match.
GRUPPO D — Meno male che c’è Thomas Müller: la Germania campione del mondo balla (stavolta non per far festa) e il suo cannoniere le risolve i problemi. L’attaccante del Bayern segna il gol dell’1-0 di testa, poi nella ripresa la difesa tedesca comincia a scricchiolare fino al gol del pari di Anya favorito da un errore in impostazione di Götze e da una dormita di Durm. Reazione veemente: dopo 4 minuti segna ancora Thomas Müller, probabilmente su azione viziata da un fallo di Höwedes. Nel finale Reus esce zoppicando: c’è preoccupazione (soprattutto al Borussia Dortmund) dopo l’infortunio che gli è costato il Mondiale.
Anche l’Irlanda ha il suo eroe: ci pesa Aiden McGeady a regalare la vittoria con una doppietta contro la Georgia. Il centrocampista dell’Everton segna il gol del vantaggio su assist di McCarthy, poi Okriashvili trova il pari con una botta da fuori area. In pieno recupero ancora McGeady con una splendida conclusione dal limite fa 2-1.
Il debutto di Gibilterra viene rovinato da Lewandowski: la Polonia fatica nel primo tempo segnando un solo gol, poi l’attaccante del Dortmund ne fa 4 nella ripresa.
GRUPPO F — Parte male l’avventura di Ranieri sulla strada verso l’Europeo. La Grecia allenata dal tecnico italiano perde in casa contro la Romania che la spunta grazie a un rigore di Marica dopo appena 10 minuti (procurato da un ingenuo fallo del romanista Holebas) e si prende così la rivincita dopo la sconfitta con gli ellenici nello spareggio mondiale. Lo stesso Marica si fa espellere in apertura di ripresa, ma 37 minuti in undici contro dieci non bastano alla Grecia per trovare il pari. Colpa anche di un pizzico di sfortuna con la clamorosa traversa colpita da Torosidis a 2 minuti dalla fine.
Colpaccio dell’Irlanda del Nord in Ungheria. Sotto di un gol al 75′, gli ospiti ribaltano il risultato: a segnare la rete decisiva è l’ex Palermo, Lafferty, ora al Norwich. La Finlandia, infine, soffre più del previsto contro le Far Oer, e, dopo aver chiuso il primo tempo in svantaggio, chiude sul 3-1 con due reti nell’ultimo quarto d’ora.
 
GRUPPO I — Clamoroso flop del Portogallo: senza Cristiano Ronaldo i lusitani vengono battuti in casa dall’Albania. Bellissimo il gol partita di Balaj che insacca con una girata al volo di destro: giornata da ricordare per il c.t. italiano dell’Albania, Gianni De Biasi.
La Danimarca trema, poi vince al debutto. Mkhitaryan porta avanti l’Armenia con un gran sinistro da fuori in apertura di ripresa, poi baby Hojbjerg lo imita al 20′ firmando il provvisorio 1-1. All’80’ scambio di ruoli tra Bendtner e Kahlenberg: assist dell’ex juventino e colpo di testa vincente dell’esterno del Brondby. 


GAZZETTA DELLO SPORT