La Francia spegne l’Islanda e trova i tedeschi

euro 2016

È stato brusco il risveglio dal sogno dell’Islanda, annientata dalla Francia a Saint-Denis. I padroni di casa si meritano la semifinale, giovedì a Marsiglia, contro la Germania che ha sbattuto fuori l’Italia.

I Blues non avevano mai segnato nei primi tempi di questo Europeo, ma ieri hanno invertito il trend con un poker in 45 minuti (nessun’altra squadra ci era mai riuscita) che non ha però spento il coraggio degli «eroi» islandesi, tenaci fino all’ultimo. I campioni del mondo sono avvisati, la Nazionale di Deschamps fa sul serio e vuole festeggiare a casa sua come con Platini nel 1984 e nel Mondiale del 1998 con Zidane. A sbloccare il risultato è Giroud, di sinistro fulmina Halldorsson, poi si accende la tanto attesa stella Pogba: al 20’ spicca letteralmente il volo in area di rigore e di testa mette dentro sul cross dalla bandierina di Griezmann.

L’Islanda non molla e ha la prima grande chance della gara al 25’ con Bodvarsson sulla solita rimessa laterale del capitano Gunnarsson. Poi una punizione che la difesa legge male, salvata da Lloris in qualche modo. Nemmeno il tempo di reagire che la Francia cala il tris, sinistro all’angolino di Payet su assist di Griezmann, che torna subito avanti nella sfida interna tra marcatori con il 4-0 allo scadere della prima frazione e non lo fa in modo banale, ma col cucchiaio.

Nella ripresa i Blues si impigriscono e l’Islanda colpisce con Sigthorsson, ma Giroud ribadisce la forza dei suoi con la doppietta di testa che vale il 5-1. C’è tempo anche per un miracolo di Lloris su Ingason e per il secondo gol della formazione di Lagerback, firmato Bjarnason: 5-2. La Francia paga il calo di tensione e rischia di prendere anche il terzo, ma la cinquina basta per la semifinale.

IL TEMPO