Klose rinnova: «Sono felice»

LAZIO PARMA

Ancora insieme, un altro anno o forse più. Miroslav Klose ha rinnovato il contratto con la Lazio, la notizia era nell’aria da giorni, si aspettava solo l’ufficialità. È arrivata ieri pomeriggio attraverso le frequenze di Lazio Style Radio, il campione tedesco ha spazzato via ogni dubbio o perplessità sul futuro: «Sono molto contento – le sue parole riportate dalla società – di proseguire la mia avventura con la Lazio, ho avuto tante proposte ma ho deciso di continuare questo cammino perché faccio parte di un progetto e ho un ruolo importante».

Fumata bianca e parole chiare, musica per le orecchie del presidente Lotito: Klose si è legato al club biancoceleste per un altro anno a circa 2,5 milioni di euro, più opzione per la stagione successiva. Introdotte anche alcune modifiche rispetto al contratto precedente: è stato leggermente abbassato il fisso, ma si sono alzati notevolmente i bonus legati a presenze e gol. Un passo sia da una parte che dall’altra, dunque: la volontà era quella di continuare a stretto contatto un percorso intrapreso tre anni fa, adesso il panzer potrebbe terminare la carriera nella Capitale.

Si vedrà, ma intanto la Lazio ripartirà dal suo giocatore migliore, l’elemento con più prestigio a livello mondiale e visibilità all’interno della rosa. A 36 anni il tedesco (se in condizione) ha tutte le carte in regolare per fare la differenza, ma verrà centellinato dal tecnico, è chiaro che non potrà disputare tutte le gare. Farà da chioccia ai più giovani, sarà un punto di forza e d’esperienza all’interno dello spogliatoio, scenderà in campo nei match più duri. Il rinnovo di Klose non diventerà un alibi per non acquistare altri attaccanti, Tare e Lotito – oltre a Djordjevic – si muoveranno ugualmente.

Ma adesso c’è il presente, l’obiettivo Europa League è ancora in palio: la Lazio ha l’obbligo di raggiungere il traguardo, contro il Verona andrà in scena l’ennesimo scontro diretto della stagione. È vietato fallire, ma Reja può sorridere: per lunedì sera (ore 19) riavrà a disposizione tutti, l’infermeria è vuota, a guidare l’attacco potrebbe esserci proprio Klose. Il panzer ha recuperato dall’infortunio, da una settimana ha ripreso a lavorare col gruppo, tra oggi e domani parlerà con l’allenatore e insieme prenderanno una decisione.

Contro Verona, Inter e Bologna avrà la possibilità di risollevare un’annata storta, ma poco importa: nel giro di tre anni (frenato da qualche infortunio di troppo) il centravanti tedesco è diventato uomo immagine della Lazio sia in Italia che all’estero, realizzando complessivamente 40 gol in 97 presenze. Tra qualche mese poi in Brasile proverà a diventare il recordman assoluto di reti in una fase finale della Coppa del Mondo e della storia della Germania. Il futuro, a 36 anni, è ancora dalla sua parte.

IL TEMPO