Juventus, Marchisio: “Pjanic cambia le partite, saremo ancora più forti”

pjanicfb

La rottura del legamento crociato sinistro lo ha costretto a saltare gli Europei, dove sarebbe stato uno dei punti fermi del ct Antonio Conte. Claudio Marchisio sta cercando di bruciare le tappe per recuperare più in fretta possibile in vista della prossima stagione, quando in bianconero vedrà aumentare la concorrenza. L’arrivo di Pjanic, però, non sembra preoccupare il centrocampista torinese che, al contrario, gongola pensando a una Juve sempre più competitiva. “Pjanic è un grandissimo giocatore, uno di quelli in grado di cambiare una partita. É giovane, ma ha già tanta esperienza. Si tratta senza dubbio di un elemento che rafforza la nostra rosa”.

“Con piccoli cambiamenti stiamo vincendo da cinque anni in Italia e stiamo crescendo in Europa. Dani Alves? Nel caso in cui arrivasse sarebbe un giocatore in grado di incrementare ulteriormente la nostra qualità – aggiunge Marchisio a margine della presentazione della sua biografia social ‘nero su bianco’ a Torino – Pogba spero rimanga il più a lungo possibile. Sta dimostrando tutto il suo valore, soprattutto in questa stagione. Morata? Conosciamo la sua situazione e speriamo che possa rimanere anche lui”. Infine il 30enne bianconero fa il punto della situazione sul suo recupero dopo l’operazione al ginocchio: “La rieducazione sta andando bene, anche se so che ci vorrà ancora un po’ di tempo. Io comunque mi sento benissimo”.

Marchisio si sofferma poi su Euro 2016: “L’Italia non mi ha sorpreso, conosco bene il valore dei miei compagni e di mister Conte. Adesso sono un tifoso come tutti voi e spero che l’Italia possa alzare la coppa. Sapevo che gli azzurri sarebbero stati concentrati e ben messi in campo. Mi ha un po’ deluso il Belgio, una grande squadra con tanti talenti ma con un atteggiamento sbagliato. Merito anche della nostra Nazionale che ha disputato una partita perfetta”.

La Repubblica