Juventus, Chiellini: «Vidal rimane. Addio Conte? E’ stato uno choc»

482px-Giorgio_Chiellini_(Juventus)

Ultime ore in Italia prima della partenza in serata per Giacarta. Giorgio Chiellini, pronto ad annunciare il rinnovo (“Manca solo l’ufficialità, ma resterò un giocatore di questo club a lungo”) lancia la Juventus non soltanto alla conquista di Asia e Oceania, ma soprattutto di nuovi trionfi. “Stiamo lavorando bene con Allegri e il nuovo staff, questo è il mese più importante, quello dove si mette benzina per tutto l’anno. La tournée ci aiuterà a cementare il gruppo. Magari i tanti viaggi non sono troppo funzionali, ma come ci ha spiegato il presidente Agnelli ieri, queste trasferte dall’altra parte del mondo servono per esportare il marchio e aumentare gli introiti. Ci aspettiamo grande entusiasmo”. 

RINNOVO – “Mio rinnovo? Non c’è ancora niente di formalizzato ma credo proprio che rimarrò a lungo qui“. Infatti in questi giorni l’amministratore delgato Marotta e l’entourage del giocatore hanno trovato l’intesa per il prolungamento del contratto. Mancano soltanto i dettagli. L’ufficializzazione del nuovo matrinomio è imminente.

SU CONTE – “Le sue dimissioni sono state uno choc, ma non una delusione. Ho parlato con lui e ho capito le sue ragioni. Dopo 24 ore di choc è giusto andare avanti. Nuovo ct? Visto il rapporto che ho con lui sarebbe il massimo. Vedremo cosa si sentirà di fare. Ma con lui o con un altro, daremo il massimo”.

SU ALLEGRI –  “C’è unità di intenti massima. Non dobbiamo perdere umiltà. Allegri è un allenatore che ha già conquistato uno scudetto. E’ intelligente, non cancellerà la macchina vincente, ma al contrario magari riuscirà a renderla più imprevedibile. Difesa a tre o quattro? Non c’è differenza. Con Evra una abbiamo soluzione in più, ma soprattutto Patrice aggiunge al gruppo tantissima personalità”. 

SCUDETTO E VIDAL – “I tifosi non devono essere scettici, basta guardare la nostra rosa. Siamo più forti dello scorso anno, perché alcuni giocatori sono arrivati e un paio verranno presi nell’ultimo mese di mercato. Sì, sono convinto che Vidal resterà con noi.Ci fa piacere che gli altri sostengano che senza Conte non vinceremo: è una motivazione in più. Ma gli stimoli sono molti, perché abbiamo imparato che vincere è bellissimo. Per lo scudetto partiamo in prima fila con Roma e Napoli. Ma occhio a Inter e Fiorentina, lo scorso anno molto sfortunata”. “Champions? In Europa vogliamo almeno pareggiare i quarti di due anni fa, poi quando si arriva ad affrontare certi squadroni speriamo di avere un po’ di fortuna“. 

SU TAVECCHIO –  “Le sue frasi le ho lette la mattina dopo e sono rimasto sconcertato, tanto che ho subito chiamato Tommasimi. Non ho nulla di personale contro Tavecchio, ma in questo momento l’unica persona giusta per la Figc è Albertini. Non dobbiamo permettere che il nostro calcio si rovini ancora di più. In quel ruolo servono persone con decoro e personalità”. 

SU SUAREZ – “La mia spalla sta bene. E come ho già detto spero che la sua squalifica venga rivista”.

TUTTOSPORT