Juventus campione d’Italia, quarto scudetto consecutivo. Ora assalto al Real Madrid

ALLEGRI_CHAMPIONS

”Superiore alle avversarie”: così Antonio Conte invia da ct azzurro i complimenti alla sua ex squadra per il quarto scudetto di fila, dopo i tre da lui conquistati. “Faccio grandi complimenti alla Juventus per lo scudetto appena conquistato – ha detto all’Ansa Conte – in un campionato in cui ha dimostrato di essere superiore alle avversarie”. ”Colgo inoltre l’occasione per fare un in bocca al lupo alle tre squadre italiane, Juventus, Fiorentina e Napoli, in vista delle imminenti semifinali di Champions ed Europa League: con la speranza che questa fase sia per il calcio italiano l’inizio di un ritorno stabile nell’elite del calcio europeo”.

Juventus subito al lavoro – Poche ore dopo la vittoria dello scudetto, la Juventus è tornata in campo, al centro di allenamento di Vinovo, per preparare la prima delle due sfide al Real, martedì sera allo ‘Stadium’ tutto esaurito da tempo. Lavoro di recupero per chi ha giocato ieri a Marassi, esercizi di tecnica e atletica per gli altri.

Dopo la seduta i giocatori sono stati lasciati liberi da Allegri fino a domani pomeriggio quando si ritroveranno a Vinovo per l’allenamento della vigilia di Champions. “Sui volti dei giocatori – si legge su Juventus.com – era dipinta la soddisfazione per lo scudetto appena conquistato, ma anche una concentrazione feroce, perché in tutti c’è la precisa consapevolezza di avere altri obiettivi da raggiungere e altre sfide da affrontare”.

La Juventus, inoltre, prepara la festa scudetto dei tifosi, sabato prossimo allo ‘Stadium’, quando giocherà contro il Cagliari la penultima partita casalinga della stagione. Per l’incontro con i sardi, in programma alle 18, il club bianconero ha stabilito prezzi speciali, 10 euro, per gli under 16 accompagnati da almeno un genitore.

La felicità corre sui social – Bonucci scatenato su Twitter dopo il quarto scudetto consecutivo vinto dalla Juventus. “Non è mai facile vincere – è il primo post – confermarsi per la 4a volta di fila è un traguardo impressionante”. Poi compare il numero 33, gli scudetti vinti dai bianconeri, compresi i due revocati ed il difensore dei 4 volte campioni d’Italia, si lascia andare alla gioia: “33 scudetti entrarono a Torino tutti e 33 ubriacandosi!!! Ahah #godo #FinoAllaFineForzaJuventus #vincereèlunicacosacheconta #4Ju33 #Campioni”. Claio Marchisio si rivolge ai tifosi: “Allora festeggiato stanotte? Noi a Vinovo per l’allenamento. La Champions si avvicina…”.

“Il quarto scudetto di fila è un poker indimenticabile, che entra a pieno titolo nell’albo d’oro della storia bianconera”. Così il presidente di Fca e di Exor, John Elkann, contattato dall’ANSA a Omaha (USA) dove partecipa all’Assemblea della Berkshire Hathaway di Warren Buffett. “Complimenti ad Andrea, ad Allegri e a tutta la Juve”.La Juventus celebra lo scudetto conquistato a Genova, lanciando su Twitter l’hashtag “#4Ju33”. Il riferimento è al quarto tricolore consecutivo e al numero complessivo di scudetti conquistati dalla società sul campo, 33 compresi i due tricolori revocati per la vicenda Calciopoli e sempre rivendicati dal club. “Prendere per mano la squadra il 15 luglio e riportarla alla vittoria. E’ per fare questo che ci vogliono le palle!”. E’ il tweet con cui il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, celebra lo scudetto conquistato da Massimiliano Allegri. “Grazie Max”, aggiunge il numero uno bianconero che rilancia l’hashtag “#finoallafine”. Massimiliano Allegri ha ringraziato il presidente Agnelli per i complimenti via twitter: “Ho visto il tweet e ringrazio il presidente per le sue parole. Comunque, subito dopo la vittoria, ci siamo sentiti per telefono e mi ha fatto i complimenti”. “Le responsabilità alla #Juve sono alte, ma ripagate nel momento in cui ti rendi conto di aver fatto felici 250 milioni di juventini nel mondo”. Massimiliano Allegri celebra così, su Twitter, lo scudetto conquistato alla prima stagione sulla panchina della Juventus. “Uff! Mi tocca farlo, da premier. E poi – ahimè – hanno vinto i più forti. Complimenti!”. Lo scrive il presidente del Consiglio su Twitter in un messaggio indirizzato alla Juventus dopo la vittoria dello scudetto. Il premier, che è tifoso della Fiorentina, rende merito al presidente della Juve Andrea Agnelli e all’allenatore Massimiliano Allegri.

Breve festa in campo al Ferraris dei giocatori campioni d’Italia della Juventus. Marchisio e i compagni hanno saltato in mezzo al campo per salutare lo scudetto, il quarto consecutivo, e hanno poi brevemente sollevato in aria l’allenatore Allegri prima di rientrare negli spogliatoi. In tribuna e nei distinti due piccoli gruppi di tifosi bianconeri hanno alzato sciarpe e piccole bandiere. La trasferta era vietata ai gruppi di tifosi organizzati dopo gli incidenti di Torino domenica scorsa. Primi caroselli di auto e prime bandiere bianconere nel centro di Torino, per festeggiare lo scudetto della Juventus. I tifosi stanno raggiungendo la centrale piazza San Carlo, intonando cori da stadio. “Siamo noi, siamo noi, i campioni d’Italia siamo noi…”, il ritornello. Agli angoli delle strade sono spuntate bancarelle con le maglie dei giocatori in vendita in mezzo a sciarpe e bandiere.

 Ha un sorriso grande cosi’ Massimiliano Allegri quando arriva in sala stampa con in tasca il suo secondo scudetto, dopo quello vinto nel 2011 appena arrivato al Milan: ma anche se felice – ‘sono contento, sarei ipocrita se dicessi il contrario’ – resta molto calmo perche’ la testa e’ gia’ alla sfida di Champions con il Real Madrid. ‘Lo scudetto e’ gia’ archiviato ma il traguardo non era scontato perche’ vincere per il quarto anno consecutivo non era facile’ dice. ‘I ragazzi se lo sono meritato e hanno anche chiuso molto bene questa sfida con una bella partita tecnica e intensa. Non siamo venuti a Genova a fare una partita sparagnina’.

Ora i pensiero va alla semifinale di Champions con il Real Madrid: ‘Nessuno all’inizio di stagione ci dava una lira. Ci vedevano fuori nel girone eliminatorio invece abbiamo fatto un bel tragitto. E ora ci aspetta la sfida con i campioni d’Europa, una squadra con giocatori straordinari’. Allegri spiega di avere vinto lo scudetto anche grazie alla scelta di non stravolgere subito il giocattolo costruito da Conte: ‘Arrivare in un posto e stravolgere tutto e togliere certezze credo sarebbe stata una scelta da persona poco intelligente. Ho dunque aspettato un attimo. Il vecchio sistema di gioco del resto ci e’ servito in piu’ di una occasione. E’ stata importante comunque la disponibilita’ dei ragazzi’. Per Allegri la partita forse decisiva e’ stata col Napoli: ‘perche’ venivamo da pari con l’Inter e da una sconfitta in Supercoppa. Li’ e’ stata una vittoria di carattere che la squadra ha voluto fortemente’. Il segreto della sua Juventus e’ stato l’equilibrio mentale: ‘durante l’anno ci stanno dei passaggi a vuoto ma devi avere la capacita di mantenere equilibrio perche’ la squadra anche con una sconfitta non puo’ perdere di colpo i suoi valori’. L’allenatore campione d’Italia non ritiene che lo scudetto sia arrivato anche per le mancanze degli avversari: ‘siamo in media scudetto con 79 punti a quattro giornate dalla fine. Lo scudetto si vince tra 82 e 84 punti per cui lo avremmo potuto vincere indipendentemente dagli altri’. ‘Ho vinto due scudetti con due squadre straordinarie – ha concluso Allegri -. Il primo a Milano e questo a Torino. Entrambi con giocatori di alto profilo morale’.

ANSA