Juve, Mascherano freme: “Il Barça sa cosa ho passato: tutto finisce…”

MASCHERANO

“Solo voci”, dice Mascherano. Ma le cose non stanno esattamente così e sono le parole dello stesso giocatore a confermarlo: certo, ad oggi è un giocatore del Barcellona, ma domani o più verosimilmente dopo la Copa America, l’assalto della Juve potrebbe concretizzarsi. Perché – come spiegano anche a Sport, quotidiano catalano – El Jefecito ha una serie di valide ragioni per dire addio ai blaugrana.

problemi — “Per adesso sono al Barcellona ma non posso dire cosa succederà – spiega Mascherano a TyC Sports – La società sa cosa penso riguardo a tutto quello che ho vissuto quest’anno (a partire dal caso Hacienda col giocatore accusato di evasione fiscale che ha scelto di patteggiare un’ammenda da 800 mila euro per evitare il carcere, n.d.r.). La dirigenza, l’allenatore e i compagni sanno tutto. Non sto parlando di una mia partenza ma non mi aggrappo a nulla e sono solito mettere tutto sulla bilancia”.

apertura — Mascherano, a un certo punto dell’intervista, sembra pronunciare parole d’addio: “Sono grato al Barça che mi ha permesso di essere riconosciuto a livello mondiale e di vincere tanto. Prima di lasciare un club come il Barcellona, che ti dà la possibilità di vincere dei titoli e ti garantisce una certa qualità della vita, ci sono molte cose da valutare. Ma arriva un giorno in cui tutto finisce, non so se sarà ora o fra uno, due o tre anni”.
ruolo — In questi giorni si è anche parlato di un Mascherano stufo di giocare in difesa. “Ho deciso io di cambiare il mio ruolo in campo perché si trattava del Barcellona, la squadra migliore in Europa e con un allenatore del quale tutti dicevano meraviglie. Nei migliori anni della mia carriera ho giocato più in difesa che come centrocampista centrale, mi sarebbe piaciuto giocare di più nel mio ruolo ma capisco che alle volte, per ottenere qualcosa, devi rinunciare a qualcos’altro”.

La Gazzetta dello Sport