Juve, Allegri: “Ora dobbiamo vincere a Monaco e ci crediamo”

massimilianoallegri

“Questa prestazione ci dà fiducia, ora si deve vincere una partita per passare il turno e noi ci crediamo”. Massimiliano Allegri è pragmatico come sempre, anche dopo il primo round degli ottavi di Champions che sembrava un romanzo appassionante. La sua Juve ha rimontato il Bayern: 2-2, appuntamento a Monaco il 16 marzo per l’eurocolpo.

l’analisi — Allegri riconosce la superiorità dei tedeschi, a lungo in pressione dalle parti di Buffon, (“non è una vergogna se fai un primo tempo del genere e se concedi così poco al Bayern. Le partite non vanno nello stesso modo per 90 minuti, e la sfida col Bayern è un ottavo ma vale una semifinale”) ma dalla sua analisi questo era il copione che il tecnico bianconero si aspettava, ecco perché ha qualcosa da rimproverare ai suoi: “La squadra ha fatto una bella partita, dobbiamo ripartire dalla ripresa ma rivedere il primo tempo, dove nonostante loro abbiano fatto meglio abbiamo avuto delle situazioni importanti. Dovevamo essere più bravi a sfruttare gli spazi che ci hanno concesso. Nel secondo tempo – prosegue Allegri – siamo riusciti ad alzare il pressing e loro sono calati, anche perché giocare 95 minuti a quei ritmi è quasi impossibile. Sapevamo che la reazione alla palla persa è una loro caratteristica, lo era anche del Barça, a volte ne avevamo 10 loro nella nostra trequarti: bisognava difendere bene e sfruttare le occasioni in cui uscivamo, lo abbiamo fatto. Dobbiamo avere molta più consapevolezza nei nostri mezzi, soprattutto dietro: in Europa devi per forza difenderti uno contro uno ma noi abbiamo dei difensori all’altezza che possono reggere il confronto. E dobbiamo essere bravi ad allungare in uscita perché troviamo campo aperto”.

scelte e fiducia — “La scelta decisiva di inserire Sturaro? Khedira rientrava da un infortunio e aveva calato il ritmo, Sturaro poteva darci vivacità e poi avevamo bisogno dei suoi inserimenti. Ha fatto bene, così come sono entrati con il giusto spirito sia Morata che Hernanes, che negli ultimi tempi era stato criticato. In questi ultimi mesi tutti ci saranno utili. A Monaco per credere nella qualificazione? Ci crediamo perché è normale farlo, sappiamo che è un ottavo difficile ma prima della gara di ritorno dovremo pensare al campionato e alla Coppa Italia. Questo pareggio ci darà molta fiducia per il finale di stagione “.
marchisio stop — Hernanes, tanto lodato da Allegri, è entrato all’inizio del secondo tempo al posto di Marchisio: “Claudio ha avuto un risentimento al quadricipite, vedremo”, ha spiegato il tecnico.

La Gazzetta dello Sport