Juan Jesus: Roma il mio salto di qualità

JUAN JESUS TW

ROMA – «Con la Roma voglio fare il salto di qualità, molti mi hanno detto che con Spalletti si migliora tanto. Non sono una macchina, posso sbagliare ma l’importante è migliorarsi e sicuramente l’ambiente è di altissimo livello. Quando affrontavo la Roma era difficile, adesso sono insieme a loro e devo fare ancora meglio. In allenamento la qualità è sempre alta. Il mister sempre ci chiede qualità e intensità e stiamo riuscendo a farlo Mi ha colpito molto Diego Perotti, è davvero forte». Queste le parole di Juan Jesus, difensore brasiliano arrivato dall’Inter in giallorosso questa stagione. «Aldair? Devo fare davvero tanta strada per fare anche solo il 50% di quello che ha fatto lui – ha proseguito a Roma Radio – Lui è stato un centrale tecnicamente molto forte. Se posso prendere qualcosa da lui, la tecnica. La si migliora in allenamento, capendo bene la situazione». E ancora, su Falcao – «È stato un grande giocatore della Roma ed è stato anche il mio allenatore. Spero di fare almeno un po’ della storia che ha fatto lui» – e su Cerezo, anche lui di Belo Horizonte: « Lui è molto conosciuto lì, io ancora no, perché sono andato via troppo giovane dal Brasile. Lui come persona e come giocatore è fantastico».

«Io sono cresciuto nell’Internacional di Porto Alegre, dove si gioca un calcio molto tattico, quindi non è stato difficile ambientarmi in Italia ma chiaramente sono giovane e devo imparare ancora – prosegue Juan Jesus – Gerson? Non è facile per lui perché trova un’altra cultura. Ogni tanto parlo con lui e gli dico di stare tranquillo. Il problema è la lingua e poi il resto verrà da sé. Ogni tanto mi chiede dei consigli su come stare in campo. Questa stagione dobbiamo essere umili, lavorare bene. Dobbiamo lavorare. Credo che con il lavoro possiamo raccogliere tante cose. Le vittorie arrivano quando lavori tanto, sudi sul campo e metti qualità. Sono tre cose importanti per arrivare lontano, con tante vittorie».

CORRIEREDELLOSPORT.IT