Iturbe-Juve, si avvicina l’ora x

ITURBE

Un annuncio, una cessione e un’accelerazione. Il primo giorno ufficiale di mercato ha visto la Juve protagonista su più fronti, tra operazioni concluse e trattative ben avviate. Se a Torino nel primo pomeriggio veniva ufficializzato l’ingaggio di Stefano Sturaro, centrocampista 21enne che resterà ancora un anno al Genoa, a Milano in serata i dirigenti bianconeri stringevano il cerchio per garantirsi Iturbe dall’Hellas Verona e vendevano il difensore Peluso al Sassuolo.

I colloqui si sono intrecciati per tutto il giorno attorno all’obiettivo numero dei bianconeri: Juan Manuel Iturbe. L’esterno argentino è la priorità del mercato per la Juve: ieri Marotta e Paratici hanno trattato a lungo con gli agenti del giocatore, confermando la pole position e il pre-accordo, mentre oggi si terrà l’incontro con il Verona per provare a chiudere l’operazione. I campioni d’Italia sono disposti ad alzare l’offerta economica (da 15 a più di 20 milioni) ed inserire il cartellino di Quagliarella (con sostanziosa buonuscita all’attaccante) per evitare il rilancio da parte del Milan che continua a marcare stretto Iturbe.

La trattativa è calda ed oggi vivrà un giorno cruciale, tra incontri, richieste e contromosse. I bianconeri non vogliono partecipare ad aste con l’Hellas, ma puntano con forza l’attaccante 21enne.

L’alternativa si chiama Ibarbo e gioca nel Cagliari, ma è Iturbe l’obiettivo su cui la Juve sta lavorando senza sosta. Nell’attesa, però, Marotta ha ceduto Federico Peluso al Sassuolo in cambio della seconda metà del regista Luca Marrone (cresciuto nel vivaio bianconero): un’operazione da 4 milioni di euro con una società alleata.

Un po’ come con il Genoa, che ieri ha ceduto il talentuoso Sturaro per 5,5 milioni più altri 3,5 sotto forma di bonus. A partire dal 2015/16, quando il centrocampista di Sanremo sarà bianconero dopo l’anno di permanenza-prestito in rossoblù. “E’ importantissimo questo interesse della Juve per me – ha commentato Sturaro dopo l’annuncio del suo ingaggio e la firma del contratto quinquennale -, perché mi dà un grande senso di responsabilità: spero di ripagare questa fiducia”. Già nel giro dell’Under 21 azzurra, il centrocampista tuttofare non nasconde la gioia: “Voglio fare un grande campionato con il Genoa, consapevole di avere la società più forte in Italia alle spalle che mi seguirà e valuterà se portarmi qui il prossimo anno o no. Io farò il possibile per essere qua”.

LA STAMPA