Italia spaccata in due, torna il freddo al nord

pioggia

ROMA Dopo la breve pausa di bel tempo di Ferragosto, in questa estate che appare sempre più anomala da oggi arrivano i tradizionali temporali della seconda metà di agosto che presto rinfrescheranno l’aria, ma solo al nord, mentre al sud è attesa una nuova ondata di calore con temperature che raggiungeranno nei prossimi giorni anche i 37-38 gradi in alcune zone. Sono queste le previsioni dei meteorologi per la settimana appena cominciata e che dovrebbe concludersi con un week-end di nuovo soleggiato in tutta Italia. Secondo il Centro Epson Meteo, oggi l’arrivo di un sistema nuvoloso nel nord e in alta Toscana porterà la pioggia già in mattinata su Liguria, estremo nordovest della Toscana, sud-est del Piemonte, Lombardia e Friuli Venezia Giulia. Nel pomeriggio qualche pioggia anche in Emilia centrale, mentre in serata nel Triveneto si prevedono forti piogge e temporali. In Sardegna e al sud invece bel tempo e Scirocco, con le temperature che cominceranno a risalire, con picchi di 34-35 gradi.
DOMANI
Domani ancora piogge nel nord e in Toscana con l’arrivo di una nuova perturbazione. Tra la sera e la notte forti temporali previsti in Lombardia e nel nordest. Tempo bello per tutto il giorno in Sardegna, mentre in Sicilia e nel pomeriggio anche in Campania e Basilicata, cielo velato a causa di un sistema nuvoloso in arrivo dall’Africa. Lo Scirocco continuerà a far aumentare le temperature non solo al Sud, dove si attendono picchi superiori ai 35 gradi (secondo ilMeteo.it si potrebbero raggiungere i 37-38 gradi in alcune zone), ma anche al Centro. Giovedì un altro sistema nuvoloso transiterà invece sul Centronord, con effetti concentrati sul Nordest e in alcune zone interne del centro. 
IL FINE SETTIMANA
Da venerdì è invece attesa una «rimonta più decisa e duratura dell’alta pressione» per tutta l’Italia, che riporterà il bel tempo nel prossimo week-end. Che questa sia un’estate anomala lo confermano, dopo le rilevazioni della Nasa, anche i meteorologi e ricercatori del Climate Prediction Center della Noaa americana. Dalle mappe del Noaa si rileva che la temperatura media a luglio in quasi tutta l’Italia è stata sui 20-25 gradi (con punte 25-30 gradi nel cagliaritano, tra Siracusa e Trapani e a Reggio Calabria) con una differenza stagionale di meno 1-3 gradi nel Nordest e in parte del Centro. In buona parte dell’Italia peninsulare e in Sardegna a luglio è piovuto dal doppio al quadruplo in più rispetto alla norma e, in alcune zone del versante tirrenico, soprattutto tra Liguria di levante e Toscana, addirittura più del quadruplo (+400%). 
Inoltre, secondo il rapporto pubblicato sul sito del Servizio Idrologico della Regione Toscana, le precipitazioni del mese scorso mostrano valori pluviometrici medi regionali intorno ai 170 mm, con massimi oltre 450 mm nell’Alta Versilia e nel medio basso bacino del Serchio: «Si tratta di un evento eccezionale per il mese di luglio, con molte stazioni che hanno registrato il massimo storico mensile dal 1916 ad oggi».

IL MESSAGGERO