Iraq, Renzi: «450 militari italiani per difendere i lavori alla diga di Mosul»

Matteo Renzi

Evitare che la diga di Mosul possa entrare nel mirino di terroristi e far sì che i lavori di risistemazione di questa infrastruttura vitale per l’Iraq – a cura della Trevi, ditta di Cesena che ha vinto l’appalto – possano partire. Questi – spiegano fonti qualificate – i compiti dei 450 militari italiani che presto saranno inviati a Mosul, come ha annunciato martedì il premier Matteo Renzi. Durante Porta a Porta, infatti, il primo ministro ha spiegato: «Siamo in Iraq per l’addestramento ma anche con un’operazione importante nella diga di Mosul, cuore di un’area molto pericolosa al confine con lo stato islamico, è seriamente danneggiata e se crollasse Baghdad sarebbe distrutta. L’appalto è stato vinto da un’azienda italiana, noi metteremo 450 nostri uomini insieme agli americani e la sistemeremo».

La paura di una bomba d’acqua
L’impianto, infatti, situato 35 chilometri a nord di Mosul, è seriamente danneggiato, secondo quanto reso noto recentemente da fonti curde. E se dovesse crollare porterebbe la morte e la distruzione nelle province di Ninive, Kirkuk e Salahuddin, causando probabilmente danni fino a Baghdad, 350 chilometri a sud. Ari Harsin, deputato al Parlamento della regione autonoma del Kurdistan iracheno, ha detto che i rischi sono dovuti alla mancata manutenzione della diga per diversi anni, e che un intervento per la sua messa in sicurezza potrebbe costare ora tra i 250 milioni e i 500 milioni di dollari.

Il timore che Isis l’usasse come un’arma

Per circa due settimane nell’agosto del 2014, quando l’Isis si impadronì con una fulminea offensiva di Mosul e dell’intera provincia di Ninive, si temette che i jiihadisti potessero impiegarla proprio come arma, facendola saltare in aria. Un allarme rientrato quando i Peshmerga riuscirono a riprendere il controllo dell’impianto, con l’aiuto dei raid aerei americani. Lo sbarramento, costruito sul fiume Tigri, fu inaugurato nel 1983, durante il passato regime di Saddam Hussein, con il nome di «Diga Sadda». Alta 131 metri e lunga 3,2 chilometri, la diga ha una capacità di 8 milioni di metri cubi e approvvigiona di elettricità 1,7 milioni di residenti della regione.

L’azienda
La Trevi, fondata in Emilia nel 1957, è attiva in oltre 80 Paesi con 30 filiali. Quattro le divisioni principali: Trevi, per servizi nell’ingegneria del sottosuolo; Petreven, attiva nella perforazione petrolifera; Soilmec, per macchinari e impianti di ingegneria del sottosuolo; e Drillmec, che produce impianti per perforazioni (petrolio, gas e acqua). La Capogruppo è Trevi Finanziaria, quotata a Milano dal luglio del 1999, che ha chiuso il 2014 con ricavi per 1,25 miliardi di euro ed un utile netto di 24,4 milioni. Nei primi nove mesi del 2015, i ricavi sono stati pari a 956 milioni, per una perdita di 131,4 milioni di euro.

Trevi in Iraq
Trevi è attiva in Iraq già dal 2008, quando con Drillmec siglò un accordo con Iraqi Drilling Company per la fornitura di 6 impianti per la perforazione, per un valore di oltre 100 milioni di dollari. Già nel 2011 la ditta era stata molto vicina alla conquista dell’appalto della diga di Mosul, che però secondo alcune indiscrezioni di stampa sarebbe poi sfumato. Nel novembre di quell’anno, Trevi spiegò in una nota che «una aggiudicazione legalmente valida e definitiva da parte degli organi governativi iracheni competenti non è ancora avvenuta» con il processo di negoziazione «da ritenersi ancora in atto». È solo quattro anni dopo che il nome di Trevi rispunta nel contesto iracheno, quando gli Usa fanno sapere il loro apprezzamento per la disponibilità manifestata dal gruppo.

Corriere della Sera