Iraq, l’orrore degli islamisti Donne e bambini sepolti vivi

Sudani_as_Maysan_governor

Emerge l’orrore seminato nel nord dell’Iraq dallo Stato islamico, che ha ucciso e seppellito in fosse comuni almeno500 membri della comunita’ religiosa Yazidi.

A darne notizia e’ il ministro dei Diritti umani iracheno, Mohammed Shia al-Sudani. I miliziani sunniti hanno anche seppellito vive alcune delle vittime, tra le quali donne e bambini. Altre 300 donne sono state fatte schiave.

“Abbiamo prove certe, ottenute dai membri della comunita’ Yazidi in fuga da Sinjar, e fotografie che dimostrano inequivocabilmente che i miliziani dello Stato Islamico hanno ucciso almeno 500 Yazidi dopo aver conquistato la citta’”, ha detto Sudani in una intervista telefonica. “Alcune delle vittime – ha continuato – compresi donne e bambini, sono state sepolte vive in fosse comuni a Sinjar e nei dintorni”.

Un kamikaze si e’ fatto slatare in aria uccidendo almeno 10 combattenti curdi (peshmerga) e ferendo 80 persone a Jalawla, una cittadina a soli 80 km a nord-est di Baghdad. Lo riferiscono fonti mediche.

Intanto sono riuscite a fuggire 20.000 delle almeno 40.000 persone appartenenti alla minoranza religiosa intrappolate da giorni sui monti di Sinjar, sotto la minaccia dei jihadisti.

Almeno 20.000 profughi sono riusciti a lasciare la montagna irachena del Sinjar, dov’erano rimasti intrappolati in fuga dalle persecuzioni dello Stato islamico.

Il varco e’ stato aperto dall’intervento americano di ieri, che avrebbe dato modo a meta’ degli sfollati attraversare la Siria e e poi rientrare nel Kurdistan. In tutto coloro che hanno lasciato ilSinjar sono circa 30.000, secondo Shawkat Barbahari, funzionario del governo autonomo curdo, che ha spiegato: “Molti di loro hanno attraversato il varco tra ieri e oggi e non sappiamo quanti ve ne siano ancora sulla montagna”.

Le stesse stime vengono fornite dalla parlamentare Vian Dakhil, che in questi giorni si e’ fatta portavoce del dramma degli Yazidi, la comunita’ religiosa alla quale appartengono migliaia degli sfollati. “Il passaggio e’ a rischio”, ha sottolineato, “e non e’ sicuro al 100%”.

L’aviazione militare Usa ha annunciato di aver lanciato nuovi raid nel nord dell’Iraq contro i miliziani dello Stato islamico.

Caccia e droni statunitensi hanno distrutto veicoli blindati dei militanti jihadisti che avevano aperto il fuoco contro un gruppo di Yazidi in fuga da Sinjar, localita’ ad ovest di Mosul.

L’aviazione Usa ha sferrato venerdi’ scorso il primo attacco contro le postazioni dei miliziani delloStato islamico nel nord dell’Iraq.

Secondo quanto riferito dal Pentagono, due F/A-18 hanno lanciato bombe guidate al laser da 225 chili nei pressi del capoluogo regionale autonomo del Kurdistan, Erbil.
  Il presidente Obama aveva annunciato nella tarda serata di giovedi’ di aver autorizzato il Pentagono a lanciare attacchi aerei mirati in Iraq.

Obama aveva aggiunto che le forze armate Usa hanno gia’ effettuato dei lanci di aiuti umanitari per i membri delle minoranze religiose irachene che hanno un bisogno disperato di acqua e generi alimentari. Il secondo attacco aereo Usa e’ stato sferrato ieri: il bombardamento, in cui sono morti 20 jihadisti, ha interessato il quartier generale dello Stato islamico nell’area di Khazar, localita’ situata tra la citta’ di Mosul e quella di Erbil.
  Il Comando militare statunitense conferma con una nota che gli attacchi contro lo Stato Islamico sono stati portati con un drone e alcuni caccia nei pressi di Erbil.

L’obiettivo e’ quello di proteggere i Peshmerga che si stanno opponendo agli jihadisti. Ad Erbil ci sono anche il consolato statunitense e un Centro militare congiunto di forze statunitensi e irachene.
  In 5 ore – spiega alla Cnn il Comando militare statunitense – sono stati colpiti 5 obiettivi, inclusi blindati e una postazione per mortai dello Stato Islamico. Tutti gli aerei sono tornati senza danni alle loro basi. 

AGI