Inzaghi: “Troppi errori, ma che grande reazione!”

inzaghi_allenatore

“E’ stata una partita strana; sapevamo che era difficile. Non mentivo quando dicevo che la Roma qui ha fatto fatica e non meritava di vincere – esordisce Filippo Inzaghi dopo il 2-2 di Empoli -. Ma noi che vogliamo diventare grandi non possiamo prendere due gol su calci piazzati. Anche se con carattere nel secondo tempo meritavamo di vincerla. Dispiace, studierò il modo di evitare certi errori. I ragazzi hanno comunque avuto grande forza. Siamo partiti male, la prima mezz’ora è da cancellare. Poi abbiamo avuto una grande reazione con due gol di pregevole fattura. Ora pensiamo a Cesena dove sarà ancora difficile”.

MEZZORA CHOC — Aggiunge: “La prima mezz’ora non me la so spiegare. Storicamente la palla inattiva è stato sempre un nostro problema. Loro poi sono abili: è da anni che sfruttano queste capacità. Avrò sbagliato qualcosa io. Teniamoci quello che di buono abbiamo fatto nel secondo tempo. Torres? Un grande professionista. Stasera ha fatto bene: ha segnato, ha sfiorato un altro gol e ha servito a Menez un palla meravigliosa, purtroppo fermata dalla traversa”. Inzaghi spiega poi il cambio di modulo: “Durante la partita ci siamo messi 4-2-3-1 e siamo andati meglio. Sarebbe stato un passaggio spontaneo, forse è stato affrettato, ma probabilmente è un sistema di gioco da sfruttare in futuro. All’inizio non avevamo Torres e ho pensato di giocare così. La squadra adesso non credo sia pronta per cambiare drasticamente sistema di gioco, ma oggi la squadra è stata brava”.
TORRES HA FIDUCIA — “Sono felice per il gol, ma è mancata la vittoria – sostiene l’attaccante spagnolo in gol all’esordio -. Quando si gioca contro una squadra che ci mette il cuore diventa tutto più complicato. Poi nel secondo tempo tutto è cambiato. Ora dobbiamo pensare solo al Cesena e affrontare il campionato un passo alla volta. Sono soddisfatto anche se è stata dura: le difese italiane sono fisiche e forti, ma le conoscevo già”.
GAZZETTA DELLO SPORT