Inter, Pioli: “Guardiamoci negli occhi”. Icardi: “Non ci sono più scuse”.

PIOLI_2015

“Sarà importante l’atmosfera, guardarsi negli occhi e mettere in campo tutto quello che abbiamo e di più. C’è grande consapevolezza, voglia da parte della squadra di dimostrare chi siamo, che siamo l’Inter. Dobbiamo risalire, la posizione in classifica non ci compete e il derby è una grande occasione”. Stefano Pioli sceglie il venerdì a cavallo dell’ora di pranzo per la conferenza stampa della vigilia del derby di domenica sera a San Siro. Sarà il suo battesimo in campionato sulla panchina dell’Inter. Accanto a lui c’è il capitano Mauro Icardi che comincia così: “Non ho mai segnato al Milan? Fargli gol è un mio obiettivo”. E qualche minuto dopo Icardi lancia un concetto ai suoi compagni di squadra: “Con il nuovo tecnico, noi calciatori non abbiamo più scuse: dobbiamo prenderci le nostre responsabilità”.

“MI SONO ADDORMENTATO TRANQUILLO” — Pioli fa il punto dei pochi giorni in cui ha avuto a disposizione tutto il gruppo: “Due allenamenti sono stati sufficienti, sono orgoglioso di come i ragazzi stanno approcciando – spiega -, non avevo dubbi tecnici ma ho trovato un gruppo disponibile e professionale, consapevole dell’importanza della partita. Come giocheremo? Da squadra, non sarà così importante la posizione ma piuttosto l’interpretazione. Stare dentro con gambe, testa e cuore, pensando che ogni pallone sarà decisivo. L’ho chiesto a tutti i ragazzi”. E poi sottolinea: “L’aria è quella giusta, perché ho trovato un grande approccio. Ieri sera mi sono addormentato sereno e tranquillo grazie al lavoro che ho fatto qui”. Sul ritorno dei nazionali dopo la pausa, risponde: “Li ho trovati bene, soprattutto a livello mentale”. L’ultima considerazione del tecnico è sul Milan di Montella: “E’ una squadra che ha trovato la sua solidità, difende in blocco e ha soluzioni offensive con giocatori bravi nell’uno contro uno. Montella è stato bravo a dare la sua filosofia alla sua squadra ma noi abbiamo le qualità per metterli in difficoltà”.

“IMPORTANTE PER LA CHAMPIONS” — Con Maurito si parte dalla statistica: “E’ vero, non ho mai fatto gol al Milan né con l’Inter né con la Samp: è sicuramente un mio obiettivo”. E aggiunge: “Quando c’è un mister nuovo tutti si vogliono far vedere e abbiamo fatto un grande lavoro in questa settimana. Adesso non ci sono motivi per essere arrabbiati o per essere scontenti dell’allenatore. Pioli ha dato grande fiducia a tutti, abbiamo fatto un grande lavoro e ora conta fare bene sul campo”.

Maurito aveva sperato nell’arrivo di un tecnico italiano, torna su questo concetto. “Ho detto che serviva un tecnico italiano perché non possiamo metterci a lavorare con uno straniero, ci voleva uno italiano che conoscesse noi e le altre squadre. Con un tecnico nuovo l’ambiente è già diverso, si respira un’altra aria”. Un derby con vista Champions? ” Non so dire se è l’ultimo treno. Sicuramente sarà un derby importante nella corsa Champions, che resta il nostro obiettivo da 2-3 anni”.

gazzetta.it