Inter, Mancini: ”Male l’approccio, il risultato non mi soddisfa”

FBL-EUR-C1-JUVENTUS-GALATASARAY

Non è molto soddisfatto Roberto Mancini dopo l’1-1 della sua Inter a Palermo. La prestazione è stata positiva, ma ciò che non è piaciuto al tecnico jesino è stato l’avvio di gara: ”Al momento siamo in testa, ma non siamo soddisfattissimi per questa gara perché volevamo vincere. Nel primo tempo il Palermo ci ha messo in difficoltà perché noi eravamo troppo lunghi, poi a fine primo tempo e nel secondo Jovetic si è abbassato tra le linee e abbiamo fatto meglio. In alcune situazioni siamo stati sfortunati, come nell’occasione dell’espulsione, che non ci stava”.

”ICARDI RESTI TRANQUILLO” – Prestazione opaca per Mauro Icardi, che non trova la via della rete da quasi un mese. Mancini però resta ottimista: ”E’ un momento che capita a tutti gli attaccanti, l’importante è che lui stia tranquillo e che partecipi di più alla manovra perché un attaccante può essere utile anche in altri modi quando non riesce a segnare. Higuain e Insigne giocano insieme da 2 anni, Icardi e Jovetic da sette partite quindi devono migliorare l’intesa. La squadra può anche giocare male – aggiunge – ma se gli attaccanti giocano insieme si può segnare ugualmente, quindi noi lavoreremo per questo”.

KONDOGBIA SOSTITUITO: ”ERA AMMONITO…” – Brillanti invece le prestazioni di Biabiany e Perisic, protagonisti nel gol con assist e finalizzazione: ”Non è ancora in grado di poter tenere i 90 minuti se no in quel ruolo avrebbe giocato da subito perché è il suo – spiega Mancini sul francese -, spero che metta minuti nelle gambe il più

presto possibile, in mezz’ora ha fatto molto bene. E’ un giocatore bravo, è stato fermo tanto tempo quindi non è semplice ritrovare la forma fisica ottimale. Sul modulo: ”Arriverà il momento che troveremo quello giusto – conclude l’allenatore nerazzurro – nel frattempo che lo cerchiamo dobbiamo rimanere nelle zone alte della classifica. Kondogbia? L’ho tolto solo perché era ammonito ma stava giocando bene”.

La Repubblica