Inter, dura lite Mancini-Jovetic. Poi Melo-Icardi, che caos nello spogliatoio

Foto LaPresse - Spada
20 settembre 2015 Verona ( Italia)
Sport Calcio
Chievo Verona - Inter
Campionato di Calcio Serie A TIM 2015 2016 - " Stadio Bentegodi "
Nella foto: mister mancini jovetic

Photo LaPresse - Spada
20 September 2015 Verona ( Italy)
Sport Soccer
Chievo Verona - Inter
Italian Football Championship League A TIM 2015 2016 - " Bentegodi " Stadium
In the pic: head coach mancini jovetic
Il “Melo dramma” lo hanno visto tutti. Anche se è doveroso ricordare che l’Inter rimane in testa alla classifica e in pochi in estate ci avrebbero messo un euro, la “cavolata” del brasiliano che ha regalato la vittoria alla Lazio è stata però solo la punta di un iceberg che si è formato durante una settimana già delicata di suo, alla vigilia delle ferie natalizie. Tre cene sociali – sponsor, dirigenti e settore giovanili – non hanno sicuramente aiutato. Anche le sedute ad Appiano non sarebbero state particolarmente intense.
PRIMO TEMPO — Eppure la buccia di banana era bella evidente, sarebbe bastato raddoppiare la soglia d’attenzione nel giorno del match per completare quattro mesi alla grande. E questa è la cronaca di una giornata da dimenticare che Gazzetta dello Sport racconta in esclusiva. I primi segnali negativi sono arrivati alle 18.30 di domenica. Alla Pinetina, nella consueta riunione tecnica, Roberto Mancini comunica la formazione ufficiale. Dopo quattro gare consecutive da titolare, Adem Ljajic si ritrova in panchina. E non l’avrebbe presa bene. Tanto che quando la squadra arriva allo stadio, lui si sarebbe messo in fondo allo spogliatoio senza cambiarsi. Mancini lo avrebbe notato e ripreso duramente. Il serbo si adegua, passa dalla giacca e cravatta alla tuta. E fa il riscaldamento con i compagni, pur con un muso lungo così. Mancio dal tunnel però nota che il lavoro pre gara è svogliato da parte di tutti. «Stasera le prendiamo, quest’aria non mi piace» avrebbe confidato a chi è vicino lui. Rientrato negli spogliatoi, striglia sia i suoi collaboratori sia la squadra. In extremis, cerca di rimettere tutti sul pezzo. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. A prescindere dagli eventuali errori di formazione, la squadra gira a vuoto. È disattenta, pare quasi supponente. Un pensiero che condivide anche lo stesso Mancini, consapevole che l’ultima settimana non è stata affrontata con la concentrazione ideale.
INTERVALLO — Nell’intervallo Mancini sembra una furia, fa una strigliata generale, se potesse farebbe cinque sostituzioni. E annuncia a Jovetic che non giocherà il secondo tempo. Poi va nel proprio spogliatoio. Dopo tre minuti torna in quello della squadra e comunica a Jo-Jo – che si stava spogliando per fare la doccia – che invece rimarrà in campo. Cosa gli abbia fatto cambiare idea non è chiaro, forse il tentativo di fare leva sull’orgoglio di ciascuno. “Tornate in campo e metteteci la faccia” il senso del messaggio. Al 13’ della ripresa però la gara di Jovetic finisce davvero. Al suo posto entra proprio Ljajic, in contemporanea con Brozovic, che rileva Biabiany. L’Inter pareggia, ma nel finale Melo fa harakiri. Rigore folle su Milinkovic-Savic, con tanto di ramanzina pubblica di capitan Icardi prima della ripresa del gioco.
IL DOPO GARA — Il terzo tempo inizia con il triplice fischio dell’arbitro. La partita finisce e nello spogliatoio l’aria non è buona. Ci sta, dopo una sconfitta. Ma questa volta qualche incomprensione rimasta nascosta sotto il tappeto sembra uscire allo scoperto. Stevan Jovetic pare non riuscire a trattenersi e sfoga a Roberto Mancini il suo disappunto per la sostituzione dopo 13 minuti del secondo tempo (dentro Adem Ljajic), posticipata di qualche minuto rispetto all’iniziale idea del tecnico di cambiarlo all’intervallo. La tensione sarebbe salita, come il tono della voce. Il tecnico risponde al montenegrino di stare al suo posto e di pensare a giocare. Stevan non segue il consiglio, anzi, ribatte d’istinto al suo allenatore. Gli sguardi si incrociano e l’atmosfera diventa meno respirabile. Stevan e Roberto sembrano due fiammiferi. Prima che si sfreghino, intervengono due compagni: Adem Ljajic e Fredy Guarin. Il serbo avrebbe preso Jovetic per allontanarlo e per consigliargli di smetterla, di abbassare i toni. Lui che qualche ora prima non aveva preso bene la panchina. Il colombiano invece si sarebbe schierato in maniera decisa in difesa del tecnico nerazzurro. «Cosa stai facendo? Non mancare di rispetto al tuo allenatore» sarebbe stata più o meno la frase che Guarin ha proferito rivolgendosi con toni fermi e decisi al montenegrino. A fine gara ci sarebbe stato poi un ulteriore corposo scambio di opinioni tra Felipe Melo e Mauro Icardi. La postilla, se così vogliamo, di quanto accaduto sul terreno di gioco subito dopo il calcio di rigore provocato dal brasiliano. Un paio di minuti a voce alta tra il capitano e Felipe che dopo un’iniziale ammissione di colpa avrebbe risposto alle parole dell’argentino. Poi via tutti sotto la doccia, ognuno con i suoi pensieri e le sue idee. Mancini ha raggiunto le tv per le interviste post-gara, visibilmente deluso dalla prestazione della squadra e forse con la testa a quello che era successo poco prima. Il Natale è stato rovinato, a detta dello stesso tecnico. Questi giorni di riposo serviranno per rilassare tutti e tutto. Tra una settimana si parte per la tournée di Doha sullo stesso aereo, tutti insieme. Senza scordare che nonostante una serata negativa l’Inter è ancora prima in classifica (solo 3 k.o.) con la miglior difesa.
GAZZETTA DELLO SPORT