Inter: buco di 103 milioni, sanzione Uefa in arrivo. Thohir: “2-3 anni per risanare”

THOHIR_INTER
Il sospiro di sollievo tirato al 91′ della partita con il Napoli è durato un attimo. Al di là delle critiche sul gioco e sui risultati che non arrivano, l’Inter si ritrova un problema in più da affrontare. Il bilancio consolidato nerazzurro sull’esercizio 2013-2014, infatti, ha registrato un rosso di 103 milioni, al netto della mega-plusvalenza per il conferimento del ramo d’azienda.
RISCHIO — Il buco si aggiunge alle pesanti perdite degli anni precedenti e pone l’Inter fuori dai parametri del fair play finanziario. L’Uefa si è già allarmata e il prossimo 7 novembre Thohir dovrà rendere conto del progetto economico, sportivo e manageriale deciso per appianare le perdite. Il patron ha ereditato una situazione finanziaria preoccupante e ora ne deve affrontare le conseguenze: una probabile, e attesa, sanzione da parte della Uefa. “Vogliamo raddrizzare ciò che è andato storto in passato – ha detto il Ceo Bolingbroke – Qualunque sia la decisione della Uefa siamo pronti ad accettarla”.
AVVISO — “Il fair play finanziario – ammonisce Thohir a margine dell’assemblea dei soci che ha ratificato il bilancio – contiene un messaggio positivo: fa in modo che i club non siano giocattoli nelle mani dei proprietari. Ma ci vorranno due o tre anni per risanare la situazione attuale. L’anno scorso abbiamo ottenuto buoni risultati e siamo andati in Europa. Ora potremmo arrivare in Champions. Sono convinto della bontà del progetto, ma non va di anno in anno”. Come dire: investimenti sì, ma graduali e non ingenti. Non esattamente quello che i tifosi volevano sentirsi dire.
PERDITA E PROGETTO — L’operazione di rifinanziamento del debito attuata dal magnate, al momento dell’acquisizione, è già iniziata. È stata creata una nuova società “Inter Media and Communication” che ha assorbito i contratti di sponsorizzazione di Fc Internazionale Milano S.p.A. e la gestione del marchio “Fc Inter” da “Inter Brand”. Questa società, economicamente solida, ha convinto gli istituti di credito a finanziare 230 milioni di euro. E nel bilancio ratificato oggi è stata resa nota un’operazione straordinaria infragruppo che ha coinvolto la capogruppo e le controllate Inter Brand e Inter Media: per questo motivo nel bilancio di Fc Internazionale risulta un utile di 33 milioni di euro. La reale situazione è ben diversa, perché il bilancio consolidato presenta una perdita di 103 milioni di euro. Il rilancio economico della società però non può prescindere dal rilancio sportivo. Thohir è convinto che accedere alla Champions League (con i conseguenti 40 milioni di introiti previsti tra sponsor e diritti tv) sia essenziale per far rifiatare le casse del club. Il terzo posto, o la vittoria dell’Europa League, non è solo un obiettivo per riconquistare il blasone del passato. Ma è la chiave per garantire un futuro all’Inter.
GAZZETTA DELLO SPORT