Inghilterra, Hodgson: ”Sono fiducioso, possiamo vincere”

Roy_Hodgson

MANAUS – “Non battiamo l’Italia da tanti anni? Domani si gioca il presente, non il passato o la storia”. Roy Hodgson prova ad allontanare lo spauracchio azzurro. L’Inghilterra non batte l’Italia in una gara ufficiale dal 1977 ma il ct non teme la tradizione negativa. “Ci siamo preparati bene, anche a sopportare questa umidita’. Il campo è in buone condizioni, non ci saranno problemi. Sono fiducioso anche se so che l’Italia è una ottima squadra con tanti bravi giocatori”.

CERCHEREMO DI FARE LA NOSTRA PARTITA – Hogdson ha preparato la sfida a dovere: “Abbiamo studiato l’Italia da quando è stato fatto il sorteggio, e pensiamo di avere molte informazioni su di loro. Noi cercheremo di dominare la partita, aldilà di quella che sarà la loro strategia. Cercheremo di fare del nostro meglio”, ha ribadito l’ex tecnico dell’Inter che per l’occasione potrà contare anche su Welbeck che ha recuperato mentre non avrà Oxlade-Chamberlain.

POSSIAMO VINCERE LA COPPA – Hodgson non vuole dare dei limiti alla sua squadra: ”Se possiamo vincere la coppa? Tutto può succedere in un mondiale. Sarei sorpreso se un allenatore alla vigilia della sua prima partita dicesse di non avere alcuna possibilità di vincere. Il nostro obiettivo è invece quello di riuscire a vincere”.

IO CONTRO MANAUS? MALE INTERPRETATO – Il tecnico conclude spiegando le sue dichiarazioni contro Manaus, al momento del sorteggio dello scorso dicembre, che avevano provocato le proteste delle autorità locali. “Sietemale informati. Dopo quelle frasi (Hodgson parlò di ‘calcio nella giungla’, ndr) sono venuto a Manaus, ho spiegato: alle volte, quando parli nella tua lingua puoi essere male interpretato. I rapporti con la popolazione locale sono ottimi, c’è grande affetto per l’Inghilterra”.

LA REPUBBLICA