Infiltrazioni clan in Toscana, 18 arresti

3accb0883d38fd892c01d352701ac5bf

Inchiesta DDA di Napoli su Casalesi,coinvolti anche 2 poliziotti

Le Squadre Mobili di Caserta e Firenze, coordinate dallo Sco, hanno arrestato 18 persone, alcune ritenute legate al clan dei Casalesi, coinvolte in un’inchiesta della Dda di Napoli su infiltrazioni della camorra in Toscana. Implicati anche 2 poliziotti in servizio presso la Presidenza del Consiglio e alla Camera dei Deputati: Franco Caputo, napoletano di 56 anni, e Cosimo Campagna, 57 anni, originario di San Pancrazio Salentino (Brindisi).

Le indagini sulla violazione del segreto istruttorio e sulle attività dei due agenti di Polizia, ai domiciliari, secondo indiscrezioni potrebbero incrociarsi con la vicenda degli appalti dell’Expo che vede coinvolto l’ex ministro Scajola. I due agenti sono accusati di avere rivelato informazioni coperte da segreto istruttorio: al poliziotto in servizio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri (ufficio tecnico logistico gestionali) viene contestato di avere fornito a persone indagate, ritenute affiliate al clan dei Casalesi, informazioni su attività di intercettazione nei loro confronti. Secondo gli inquirenti avrebbe anche reso informazioni segrete a politici, imprenditori e alte cariche di apparati pubblici. Dati che carpiva anche da altri uffici e da colleghi per poi comunicarle all’esterno.

Al poliziotto in servizio presso la Camera dei Deputati (Ispettorato Generale di PS) viene contestato di essersi introdotto illecitamente nella banca dati per verificare i precedenti penali di una persona e acquisire informazioni su eventuali procedimenti penali e indagini nei suoi confronti. Tra i destinatari dei provvedimenti emessi dal gip di Napoli (14 in carcere e 4 ai domiciliari), figurano persone ritenute dagli inquirenti affiliate alle famiglie Schiavone, Iovine e Russo del clan dei casalesi.

La polizia sta anche effettuando delle perquisizioni. In casa di Franco Caputo, uno dei due agenti, sono stati trovati numerosi tesserini con il logo Federcalcio. A lui, secondo gli investigatori, avrebbe fatto riferimento anche un funzionario della Lega Nazionale Dilettanti della Figc Calcio per chiedere informazioni su un calciatore extracomunitario. Caputo, secondo gli investigatori, avrebbe anche fornito informazioni riservate riguardo il giro di false fideiussioni da 230 milioni di euro su cui ha indagato la Procura di Pescara. Altre notizie coperte da segreto, il poliziotto le avrebbe fornite a Francesco D’Andrea, fratello di un affiliato alla ‘ndrangheta già condannato per associazione mafiosa e traffico di cocaina. Grazie alle sue soffiate, infine, un carrozziere casertano vicino al clan dei Casalesi sarebbe riuscito a “bonificare” alcune vetture usate dagli affiliati dalle “cimici” sistemate dalle forze dell’ordine nell’ambito di indagini sulle attività illecite della camorra casertana.

In casa di Caputo sono stati trovati 60mila euro in contanti. Sequestrati anche documenti ritenuti utili alle indagini e computer.

In una conversazione intercettata uno dei poliziotti, Franco Caputo, parla “cripticamente” di fatti del Vaticano. La conversazione risale alla sera del 15 novembre 2012 e l’interlocutore di Caputo è l’amministratore unico di una società milanese a cui l’agente raccomanda cautela. La vicenda in questione è quella dell’inchiesta della Procura di Pescara sulle false fideiussioni: “…questa volta è seria proprio la cosa… questa volta stanno facendo controlli a tappeto con le fideiussioni … e ieri hanno arrestato non so quante persone, compreso un politico… io oggi ho cercato di fare il favore a quello della Curia, hai capito o no, e ho chiesto ad una persona grossa che sta qui… meno parli per telefono meglio è…”.

I reati contestati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, detenzione di armi, estorsione, traffico e spaccio di stupefacenti. I due agenti della Polizia di Stato sono accusati di favoreggiamento e rivelazione di segreto alcune ritenute legate al clan dei Casalesi.