Indagati manager Roche e Novartis

FARMACI

ROMA La Procura accelera nell’inchiesta che ha nel mirino le case farmaceutiche Roche e Novartis, protagoniste, secondo una istruttoria dell’Antitrust, di una campagna di denigrazione del farmaco oftalmico Avastin in favore di un prodotto molto più costoso, il Lucentis. I magistrati di piazzale Clodio hanno iscritto nel registro degli indagati i manager e amministratori delle due aziende. Si tratta del primo atto istruttorio, nella capitale, dopo l’avvio del procedimento, avvenuto qualche giorno prima della multa da 180 milioni di euro, comminata dall’Authority.
Nei confronti degli indagati il procuratore aggiunto Nello Rossi, e il sostituto Stefano Pesci ipotizzano reati pesanti: associazione per delinquere, corruzione, truffa a danni dello Stato, aggiotaggio e disastro doloso. Gli indagati costituiscono la «platea» della presunto accordo illecito «per ostacolare la diffusione del un farmaco economico a vantaggio del più costoso differenziando artificiosamente i due prodotti».