Inchiesta Cnn: “A Roma bambini profughi costretti a prostituirsi”

Termini

“Un uomo alla stazione si avvicina a un ragazzino per fare sesso. Altri due ragazzini tengono la droga per le bande criminali: sono solo alcune delle storie di bambini sfruttati per scopi criminali nel cuore di Roma”. Comincia così, con delle immagini girate alla stazione Termini, un reportage della Cnn con il titolo “a Roma bambini costretti a prostituirsi”. “Usano i ragazzi che hanno meno di 14 anni, perché in base a legge non possono essere incriminati”.

Alla stazione Termini, prosegue il servizio, arrivano migliaia di bambini immigrati illegali, disperatamente alla ricerca di soldi. Uno dei questi ragazzi è stato anche intervistato. La sua identità non viene rivelata, ed è mostrato di spalle. Viene presentato come uno dei migliaia di bambini egiziani scomparsi nel sistema di assistenza italiano, e definisce il traffico sessuale e di droga in cui è coinvolto con alcuni suoi amici “la roba illegale”. “E’ la più facile, ma non solo qui a Roma, ma in tutto il Paese”, afferma. E non ci sono molte altre opzioni, “i nostri genitori hanno speso tanto per mandarci qui e dobbiamo ripagarli”.

Sfruttando una legge italiana che permette ai bambini riusciti ad entrare illegalmente di restare nel Paese, genitori egiziani poveri spendono migliaia di dollari per il miraggio di una vita migliore, continua il servizio, dicendo che sono pochi i fortunati ospitati in centri allestiti dal governo, mentre migliaia di altri scompaiono, per raggiungere le grandi città. “Sono pronti a fare tutto il possibile per guadagnare soldi e questo vuol dire molto spesso sfruttamento”, afferma Carla Bellini, di Save the Children Italy, intervistata nel servizio. “E sfortunatamente – aggiunge – trovano anche un’altra alternativa, che è la prostituzione”.

Un ragazzo che lavora per Save the Children, presentato solo come Mahmud, che aiuta i bambini traducendo per loro dall’italiano e ascolta le loro storie, afferma nel servizio che “le loro famiglie non sono interessate a ciò che fanno, a loro interessa solo che i soldi arrivino, non chiedono nulla”. Emanuele Fattori, capo della polizia della stazione Termini, afferma infine che i bambini sono preziosi per le bande criminali. “Usano i ragazzi che hanno meno di 14 anni, perché in base alla legge italiana non possono essere incriminati”.

TGCOM