Il Toro a Roma senza Cerci e Rodriguez

451px-AlessioCerci_FInotti

Oggi si vedrà se ne basta uno di “gemelli”. Contro la Lazio, Ventura recupera Darmian e Kurtic, due pedine importanti e assai funzionali nel gioco granata. Però dovrà fare a meno della stella indiscussa del gruppo, Alessio Cerci, tradito la volta scorsa dalla grande euforia per l’eurogol che ha piegato al 93’ il Genoa: si è tolto la maglietta, è stato ammonito, ma era diffidato ed è scattata l’automatica squalifica.

Il Giudice Sportivo ha separato per un turno la coppia-gol del Toro, lasciando a Ciro Immobile il compito di prendersi sulle spalle i sogni granata, che puntano all’Europa e contro la squadra allenata da Edy Reja, uno scontro diretto, avranno le prime risposte alle loro ambizioni. Certo, la squadra di Giampiero Ventura non potrà giocarsela al meglio della condizione, visto che dovrà rinunciare a tanti giocatori: oltre al talento di Valmontone, ne mancheranno altri sette. Sono gli infortunati Farnerud e Basha, i lungodegenti Masiello, Pasquale e Larrondo. E gli assenti dell’ultima ora: il difensore Rodriguez, colpito nel penultimo allenamento da un problema muscolare: lesione di primo grado dell’adduttore e due settimane di stop. E il portiere di riserva Gomis, rimasto precauzionalmente a casa per una tendinite acuta: il vice di Padelli è Berni.

In attacco, al posto di Cerci giocherà probabilmente Riccardo Meggiorini, più utile di Barreto nel lavoro “sporco” fuori casa: anche se il brasiliano non è del tutto escluso dai giochi. Infatti, resta da capire la condizione mentale di Meggiorini dopo la bufera che si è scatenata sul granata l’altro giorno, dopo che su Facebook aveva scritto parole di fuoco contro il laziale Stefano Mauri, calciatore condannato per calcio-scommesse tornato a giocare a calcio dopo aver scontato una squalifica di sei mesi per omessa denuncia: “Una vergogna”, l’aveva definito il granata prima di chiedere umilmente scusa.

LA STAMPA