Il politologo: «Processi ingiusti ma adesso paghi» Luttwak manda il Cav in cella

SILVIO BERLUSCONI

ROMA «Chi oggi in Italia vota ancora per Berlusconi è una persona con nessuna etica, è come non avere la capacità di sentire la puzza. In una democrazia devi semplicemente sentire la puzza e uno condannato per frode fiscale puzza». Lo ha detto il politologo americano Edward Luttwak a La Zanzara su Radio 24. «Quando evadi le tasse – ha detto Luttwak – rubi al tuo concittadino. Vi faccio un esempio. Negli Stati Uniti un reato come quello di Berlusconi, la frode fiscale, come minimo lo portava in cella per cinque anni. Veniva arrestato subito dopo il processo, gli danno solo il tempo di mettere le cose a posto. E la questione dell’età non esiste. Una persona ha fatto 3 anni di prigione per non aver pagato 5 mila dollari di tasse. E aveva più di 73 anni».
«Sostenere – ha proseguito Luttwak – che non puoi mettere gente in prigione perché ha più di 70 anni è ridicolo, oggi i settantenni fanno paracadutismo e Berlusconi ha una fidanzate a 76 anni. Quindi può andare tranquillamente in prigione.
«Io sono sicuro – ha detto ancora il politologo americano – che il Cavaliere sia vittima di una persecuzione dei procuratori di sinistra, di gente che lo odiava e invidiava e molti dei processi non dovevano essere fatti. Ma alla fine è stato condannato per frode fiscale, ovunque vorrebbe dire prigione e esclusione immediata da ogni forma di vita pubblica. Fossi italiano e rubassi una mela, se vogliono condannarmi direi: su che base morale lo fate quando non mettete in galera Berlusconi dopo tre processi?».

L’Unione Sarda