Il Papa ad Assisi: “Chi scappa dalla guerra incontra lʼindifferenza”

CSI DA PAPA FRANCESCO

Da Assisi, all’incontro sulla pace fra le religioni, Papa Francesco dice che c’è un grido che implora: quello delle vittime della guerra, dei bambini “cui è preclusa la luce di questo mondo” e dei poveri. E’ per tutti loro la preghiera del Santo Padre, che lancia l’allarme per chi scappa dalla violenza ma “incontra troppe volte il silenzio assordante dell’indifferenza, la freddezza di chi spegne quel grido con la facilità con cui cambia canale in tv”.

“Nelle parole di Gesù ‘Ho sete’ “possiamo sentire la voce dei sofferenti, il grido nascosto dei piccoli innocenti, l’accorata supplica dei poveri e dei più bisognosi di pace. Implorano pace le vittime delle guerre che inquinano i popoli di odio e la terra di armi”. Il Pontefice prosegue sottolineando che queste persone spesso sono di fronte all’egoismo di chi è infastidito e “a loro viene spesso dato, come a Gesù, l’aceto amaro del rifiuto”.

“Implorano pace”, aggiunge Francesco, “i nostri fratelli e sorelle che vivono sotto la minaccia dei bombardamenti o sono costretti a lasciare casa e a migrare verso l’ignoto, spogliati di ogni cosa. Tutti costoro sono fratelli e sorelle del Crocifisso, piccoli del suo Regno, membra ferite e riarse della sua carne. Hanno sete. Ma a loro viene spesso dato, come a Gesù, l’aceto amaro del rifiuto. Chi li ascolta? Chi si preoccupa di rispondere loro?”.

TGCOM