«Il gol mi è mancato Futuro? Vedremo»

KLOSE TW

Un gol atteso nove mesi. L’ultimo lo aveva firmato nella magica notte del San Paolo quando la Lazio riuscì a strappare al Napoli il terzo posto e un preliminare di Champions League. Miro Klose segna a porta vuota, ma è una rete che mette in ghiaccio un successo certificato dalla doppia prestazione contro i turchi. Esaltato dalla sfida a distanza con Lucas Podolski, l’attaccante spinge la Lazio agli ottavi di finale: oggi a Nyon la formazione biancoceleste conoscerà il prossimo avversario. Finalmente una prova convincente da parte di Klose che a fine anno potrebbe fare le valigie per iniziare una nuova avventura: tempo scaduto, a fine stagione le strade del club laziale e dell’attaccante tedesco quasi certamente si separeranno. Una prestazione generosa quella del centravanti, caratterizzata da un’occasione creata del nulla e un gol segnato a porta vuota dopo un assist perfetto di Radu: è stato più incisivo lui in venti minuti che Matri in oltre un’ora. Questione di qualità, anche se il peso della carta di identità inizia a gravare sulle partite dell’ex attaccante del Bayern. «Dobbiamo avere sempre lo stesso atteggiamento tra campionato ed Europa League – sottolinea il centravanti tedesco ai microfoni di Sky Sport – adesso attendiamo il sorteggio per conoscere i nostri prossimi avversari, ma direi che ci sono squadre importanti, sarà dura arrivare fino in fondo». Il centravanti ha manifestato la sua soddisfazione per un gol atteso nove mesi: «È passato un po’ di tempo, ero poco sereno, il gol è tutto per un attaccante. Il futuro? Vediamo che succede…».

IL TEMPO