Grillo, processi su web ai giornalisti: disastro e’ colpa loro

BEPPE GRILLO 5

“L’informazione e’ la prima responsabile del disastro di questo Paese. Vespa non e’ pagato con un contratto da giornalista. E’ un pacchetto, il pacchetto cosi’ alla Bbc non te lo fanno fare”. Cosi’ Beppe Grillo dal palco di piazza Santissima Annunziata a Firenze torna ad attaccare i mezzi di informazione. “I giornali stanno perdendo, mi danno del cattivo: siamo Charlie Chaplin. Vinceremo straordinariamente”. I 5 stelle sono sicuri di vincere le prossime Europee e subito dopo vogliono mettere ‘sotto processo’ politici, imprenditori e giornalisti. Lo ribadisce oggi sul suo blog Beppe Grillo dopo aver lanciato la sua ‘minaccia’ gia’ due giorni fa, ospite a ‘Porta a Porta’, da Bruno Vespa: anche lui, tra l’altro, tra gli ‘imputati’ eccellenti. In sua ‘compagnia’ ci saranno politici come Silvio Berlusconi, Matteo Renzi, Mario Monti e Giorgio Napolitano. Ma anche imprenditori come De Benedetti e Tronchetti Provera. Tutto avverra’ via web, spiega Grillo in un video con il plastico del castello di Lerici nel quale “ognuno avra’ la sua cella. Qui – spiega – c’e’ il nano, la salma che avra’ una sua collocazione…”. Per gli ‘imputati’ si trattera’ di un processo virtuale, tutto on line. A processarli sara’ un ‘tribunale del popolo’ e alla fine arrivera’ il verdetto degli iscritti M5S: “Alla fine gli iscritti certificati al M5S – spiega ancora Grillo – potranno votare per la colpevolezza o l’innocenza. Un tribunale popolare non puo’ sostituirsi alla giustizia nell’erogazione delle pene, ma puo’ informare i cittadini sui furti e le malversazioni di un sistema che ha portato allo sfascio l’Italia. Ed e’ quello che sara’ fatto”. E ancora: “Ogni cittadino fara’ un’accusa” e poi, prosegue, “faremo dei conti su cosa hanno rubato e distrutto. Una cosa virtuale, ma se la magistratura o la finanza vorra’ intervenire, interverra’. Sara’ un processo che durera’ un anno o due e sara’ un gioco anche molto divertente, sara’ uno sputo digitale”. Ma “ci saranno – precisa anche – le liste, le prove e i testimoni di accusa come in un processo”.

  Nel famoso plastico del castello con le ‘segrete’, ci saranno “imprenditori, giornalisti, il presidente della Repubblica, Monti, l’ebetino di Firenze”; insomma, assicura Grillo, tutta “gente che scomparira’ dalla memoria della televisione e dei giornali, ma non dalla nostra memoria”. Ma tiene a precisare: “Niente di violento e aggressivo, e’ un gioco che deve soddisfare milioni di italiani che sono stati depredati da questa associazione a delinquere di stampo politico-legale e informatico”. E “la prima categoria sara’ quella dei giornalisti che hanno occultato la verita’ agli italiani nell’ultimo ventennio. I pennivendoli di Regime” li definisce.

  Intanto, pero’, ad accendere il dibattito arriva anche l’intervista al ‘Fatto’ del cofondatore del Movimento, Gianroberto Casaleggio, che non esclude una sua disponibilita’ a fare il ministro in una squadra di governo 5 stelle, coinvolgendo anche Grillo. Parole che hanno scatenato la reazione del Pd che ha attaccato: “Svelate le reali mire di Grillo e Casaleggio” che “hanno sempre detto che non ambivano alle poltrone, invece pensano gia’ alla spartizione dei ministeri”. Poi e’ arrivata la smentita sul blog, a doppia firma Casaleggio-Grillo: “Ne’ il sottoscritto ne’ Beppe Grillo si candidano come ministri come riportato nei titoli di alcuni giornali di oggi. Le persone iscritte al M5S decideranno la squadra di governo attraverso la Rete, quando e se verra’ dato l’incarico di formare un governo al M5S”. Negli ultimi giorni di campagna elettorale, a sondaggi vietati, Grillo continua i suoi comizi in piazza convinto di poter superare il Pd. Anche se e’ sempre Casaleggio che sottolinea che gia’ confermare il 25% preso alle politiche sarebbe “un consolidamento importante”. Venerdi’ Grillo chiudera’ la campagna elettorale in piazza San Giovanni a Roma e su Facebook lancia il suo appello ad andare numerosi: “Il 23 maggio a Roma facciamo una festa straordinaria – dice – le nostre parole guerriere torneranno sulla piazza di San Giovanni e sara’ un abbraccio di milioni di persone”. E poi assicura: “Quando lo Stato sara’ formato dai cittadini, si sciogliera’.

  Non avra’ piu’ senso. Questo non e’ un partito che si sostituisce a un altro. Entriamo nelle istituzioni, facciamo lo Stato”.

AGI