Grecia, vertice di emergenza a Berlino. Ma senza Tsipras

ALEXIS TSIPRAS A PALERMO

Vertice a Berlino in serata tra il presidente della Bce Mario Draghi, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese François Hollande, e il direttore generale del Fondo monetario Christine Lagarde. Saltato invece il loro incontro con il premier greco Tsipras. Al centro della riunione – naturalmente – il caso Grecia che continua a tenere in fibrillazione i mercati. Un tentativo di smussare le differenze tra le parti e di provare a uscire dall’impasse. “Il lavoro deve continuare con maggiore intensità”, è il messaggio finale del governo tedesco in un comunicato diffuso dall’agenzia Bloomberg.  I leader hanno annunciato che rimarranno in contatto nei prossimi giorni. Insomma, si prova a diffondere ottimismo.

Un incontro a Berlino si era svolto già nel pomeriggio tra Merkel, Hollande e il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, ma la Grecia non era ufficialmente nell’agenda dell’appuntamento. Intanto il Brussels group – cioè l’ex Troika – ha fatto sapere che sta preparando un piano per la Grecia che prevede risparmi di almeno 3,5 miliardi l’anno, compresa la riforma previdenziale e le privatizzazioni. Un piano che somiglierebbe molto a un ultimatum. D’altra parte per Atene si avvicina l’appuntamento del 5 giugno, la scadenza per la rata da 300 milioni da rimborsare al Fondo monetario internazionale. E’ probabile che il versamento venga fatto slittare

a fine mese, ma intanto la fuga dei capitali dalle banche greche fa crescere l’allarme generale. E in più resta l’incognita di quei Parlamenti nazionali che dovranno ratificare l’eventuale intesa. Tra questi, proprio il Bundestag tedesco.

La Repubblica