Goleada Lazio: 9-1. Morrison, altro show

MORRISON_LAZIO

Ancora Morrison, riecco Felipe. Sono i mister fantasia, hanno regalato una doppietta a testa, fanno impazzire i tifosi, chissà se diventeranno gemelli. Non solo loro, anche i bomber Djordjevic e Klose, i mister gol, hanno offerto un gol ciascuno. Il conto del 9-1 finale (sì, 1 gol è stato beccato) l’hanno chiuso Hoedt, Lulic e Basta. E’ partita male (lenta e imballata) la Lazio contro la Top 11 del Cadore, s’è scatenata nel secondo tempo, dopo la ramanzina che Pioli ha fatto al primo undici schierato in campo. Il primo tempo è finito 1-0, nel secondo sono spuntati 8 gol. Dal 45’ in poi s’è vista una squadra più vivace, s’è scatenata quando sono stati inseriti i big Parolo, Lulic, Felipe, Candreva, Klose. Morrison ha tenuto la luce accesa, ha segnato il primo e il terzo gol, ha regalato un’altra perla: la doppietta l’ha firmata su punizione, disegnando una parabola a giro. L’inglese, partito di nuovo mezzala destra, ha confermato le doti tecniche (sono innate) e la propensione a fare il regista, il portatore di palla.

 Le gambe sono state più pesanti, chi ha lavorato per quasi una settimana ha iniziato ad accusare fatica. Morrison più Felipe, che mix. Il brasiliano s’è ripresentato con due gol facili facili, i tifosi hanno cantato il suo nome. Lo show l’ha proseguito Klose con uno scavetto. Curiosità: quando è uscito Radu la fascia di capitano l’ha indossata Klose e non Candreva (capitano in pectore). Nel finale amnesia a centrocampo, un pasticcio, gol della bandiera di Vedana, non lo dimenticherà mai. Il prossimo test sarà vero, sabato sfida contro il Vicenza. Servono sfide più attendibili per misurare questa Lazio. Col ritorno dei big si fa sul serio.

CORRIERE DELLO SPORT