Giornalista di Report denuncia: «Picchiato e sequestrato all’Urbe»

POLIZIA 6

Spintoni, botte. Poi anche un sequestro di persona, con danneggiamento della videocamera utilizzata per il servizio. È giallo sull’aggressione denunciata da un giornalista della trasmissione Report all’interno dell’aeroporto dell’Urbe, sulla via Salaria, dove si trova anche l’edificio che ospita la sede della Società italiana elicotteri. Secondo la redazione del programma in onda su Rai3 «l’amministratore unico della Società Italiana Elicotteri (concessionaria di Agusta Westland) Andrea Pardi ha rotto la telecamera a un giornalista di Report, lo ha trascinato dentro l’ufficio e lo ha immobilizzato stringendolo al collo con un braccio».

«Telecamera inagibile, poi recuperata. Ma senza scheda»
Sempre secondo la versione di Report «il giornalista si trovava all’esterno della palazzina e ha avvicinato il manager per chiedergli un’intervista. Il Pardi non gli ha nemmeno lasciato il tempo di porre la domanda, che lo ha immediatamente aggredito con lo scopo di distruggere la telecamera e contemporaneamente lo ha spinto dentro la palazzina proseguendo l’aggressione in presenza di una decina di impiegati». «Nonostante le urla del giornalista però nessuno è intervenuto», rivela ancora la redazione del programma», che aggiunge: «Solo quando il Pardi si è impossessato della telecamera ha liberato il giornalista, che una volta uscito ha chiamato la polizia. Con l’intervento delle forze dell’ordine il giornalista è rientrato in possesso della telecamera, completamente inagibile, ma non della scheda con la registrazione del filmato. Pardi – conclude Report -, che è noto alle cronache per aver tentato in passato di vendere elicotteri all’Iran, è stato denunciato».

Corriere della Sera