GIGI D’ALESSIO, “TE LA COSTRUISCO IO LA CASA”

1497515_817013608334256_5586677676155721845_n

Benedetta Sereno Clerici, presidente dell’Ass. Noi con Voi di Galliate Novara, ai microfoni di RadioRadio, ha dichiarato:“Sarebbe ora che conoscessero Gigi per quello che veramente è, un uomo speciale. Io sono una mamma di una ragazza disabile, che 33 anni fa quando è nata mia figlia con un problema mentale, mi sono rimboccata le maniche e ho pensato che invece di piangermi addosso era il momento che io mi dessi da fare, non solo per mia figlia ma anche per chi era nella mia stessa difficoltà e con l’aiuto di tanti ragazzi abbiamo creato un’associazione che si chiama Noi come Voi, per 30 anni tutti i giorni accogliamo ragazzi disabili. Il sindaco di allora ci aveva messo a disposizione prima l’oratorio di Galliate e poi una scuola dismessa, dove siamo rimasti per 20 anni. Tra i miei ragazzi disabili c’è anche chi non ha la capacità di parlare, però ha un cuore immenso e degli occhi stupendi ed è innamorata, e ha fatto conoscere a noi Gigi D’Alessio dal punto di vista musicale e ogni volta che lei ascoltava Gigi D’Alessio piangeva e diceva che lo voleva conoscere. Io per caso una volta ho provato a chiamare e chiedergli se  poteva venirci  a trovare, e lui ha detto subito si. Un’associazione come la mia, dove ci sono ragazzi disabili dove tutti tendono invece ad isolare, a far finta che non esistiamo, lui ha detto si vengo. Quando è venuto non si è tirato indietro, i miei ragazzi alcuni di questi sbavano, alcuni si aggrappano, lui e si è lasciato avvolgere. E’ stata la prima persona che non si è pulita quando i ragazzi lo baciavano e molti di questi ragazzi hanno queste difficoltà, perdono la saliva, non si sanno esprimere. Lui li guardava negli occhi e si lasciava abbracciare. E’ stato un momento molto culminante. Ho avuto la sensazione che un uomo come lui non è ben conosciuto dalla gente. Lo si conosce perche è un personaggio importante, è un cantante, ma quello che ha dentro pochi l’hanno potuto cogliere. Era l’11 febbraio 2009, diluviava, acqua che scendeva dal tetto, gabinetti otturati. Lui ha visto quella situazione e ha detto “Benedetta te la faccio io la casa per i tuoi ragazzi!” e dato che c’erano molti giornalisti gli dissi di non farsi prendere dal momento, perché le persone come lui sono molto emotive gli dissi di lasciar stare e che avremmo continuato a vivere, ma lui disse “No. Questi sono pure figli miei, li sento come miei fratelli, non puoi tenerli in una casa così. Te la faccio io casa!”. E così è accaduto. Mi è bastato vedere che non si puliva quando i ragazzi lo baciavano e lo abbracciavano, ho detto che è una persona che mantiene le parole. Gli entrato nel cuore quello che ha visto e vissuto. Con il passare degli anni  ci ha costruito davvero una casa, Abbiamo una casa che è una favola, ha costruito una struttura dove accogliamo ragazzi giorno e notte, che non hanno più genitori, che in famiglia non vivono bene o che hanno genitori troppo anziani per poterli tenere. E’ un uomo che sta portando avanti un impegno preso e lo sta portando avanti”.  

Così, il grande artista della musica italiana, Gigi D’Alessio sorpreso e felice dell’intervento della Signora Sereno Clerici, ai microfoni di RadioRadio durante la trasmissione “Io le donne non le capisco”, con Sonia D’Agostino e Luigia Luciani, ha dichiarato: “Voi date più di quello che immaginate. Se uno è stato baciato dalla fortuna la deve condividere con gli atri. Io non posso vedere una situazione del genere poi tornare a casa e vedere che ai miei figli non manca nulla. Anche io ho miei limiti, ma alla fine questa cosa l’ho fatta, mi sembrava giusto, lo rifarei altre mille volte pur di vedere persone che non sorridere mai, vederle sorride una volta, questo mi ha spinto a farlo, anche con dei sacrifici. Anche la fondazione CARIPLO ha dato un grande sostegno. Poi alla fine, si parte in tanti, ma si rimane soli. Ma non importa. Sono loro che mi danno questa forza. Questo lo posso fare anche perché il pubblico mi ha dato tanto, ed io ho voluto condividere”.

Redazione RadioRadio