Gentiletti va in prestito. In arrivo due difensori

GENTILETTI

Un gesto d’altri tempi, Gentiletti alza bandiera bianca. L’arrivo dal San Lorenzo e le gare contro Cesena e Genoa, la rottura del legamento crociato e l’assenza dai campi per otto mesi. Poi il gol alla Sampdoria e la Lazio in Champions League, sembrava l’inizio della rinascita. Ma nel giro di un anno è cambiata la storia, il calvario è infinito, Santiago non si è più ripreso: non ha mai smaltito l’infortunio al ginocchio (è costretto a sottoporsi dopo ogni partita a delle infiltrazioni), ha ammesso di non poter più disputare 3 gare alla settimana. E proprio per questo motivo, nei giorni scorsi, ha chiesto al diesse Tare di provare una nuova esperienza (in prestito per sei mesi), in una piazza più tranquilla, con meno pressione (c’è già un’offerta del Frosinone, è seguito anche da Empoli e Chievo Verona). La società ha apprezzato la sincerità, è dispiaciuta e rammaricata, ma cercherà di accontentarlo il prima possibile.

Intrecci di mercato e colpi di scena, l’eventuale addio dell’argentino costringerebbe la Lazio a tuffarsi su due centrali. Nel mirino sono finiti diversi profili, probabilmente il primo acquisto arriverà dalla Francia: il nome caldo è quello di Nicolas N’Koulou, difensore camerunese di proprietà del Marsiglia, è un classe 1990. Si tratterebbe di un investimento anche per il futuro, un vero colpo per rinforzare la rosa. Il nodo principale è prettamente economico: il contratto del giocatore scade a giugno, attualmente non ci sono i presupposti per il rinnovo, ma l’Olympique chiede almeno 8 milioni di euro e non fa sconti a nessuno. Seguiti con attenzione anche Basa del Lille, Rolando sempre del Marsiglia, Perrin e Pogba del Saint Etienne e Raggi del Monaco (vecchio pupillo di mister Pioli). Nelle ultime ore è spuntata pure la candidatura di Zuma del Chelsea, è stato proposto da alcuni intermediari, ma guadagna troppo e difficilmente sbarcherà a Formello.

Occhio alle piste Made in Italy, il secondo difensore potrebbe arrivare dalla serie A. Heurtaux – nonostante le dichiarazioni di facciata – resta in cima alla lista: «Il suo è un nome riportato troppo spesso dai giornali – ha spiegato il direttore sportivo friulano Giaretta – ma noi cerchiamo di rinforzarci e non di indebolirci». Impossibile prendere Tonelli dall’Empoli, il presidente Corsi è stato chiaro per l’ennesima volta: «A gennaio non vendiamo – ha svelato ai microfoni di Radio Incontro Olympia – il ragazzo resta da noi al 100%. Un prestito? Non scherziamo, costa 15 milioni di euro». Verranno valutati anche De Maio e Zapata.

Non solo difesa, la Lazio proverà a rinforzare il centrocampo: dipenderà molto però dalla partenza di Onazi. Il cartellino del nigeriano costa 7-8 milioni di euro, ha ricevuto qualche proposta in Turchia e in Premier League, ha le valigie in mano. A quel punto la società andrebbe sul giovane Ivan Mocinic, mediano croato nato nel 1993: si tratta di un talento puro, è in forza al Rijeka, ha già collezionato una presenza con la nazionale maggiore. Operazioni in uscita, i big non partiranno: Candreva, Biglia e Felipe Anderson resteranno almeno fino a giugno. L’unico che rischia di salutare è Keita, il pressing del Monaco è concreto, pronta un’offerta da 15 milioni di euro: i procuratori dell’ex Barca hanno incontrato a San Siro alcuni dirigenti francesi, la trattativa tra club e giocatore è già partita. Ma la Lazio cercherà di trattenerlo fino all’ultimo.

IL TEMPO