Gelo artico sull’Italia fino a metà settimana

MALTEMPO NEVE 1

Gelo artico sull’Italia e fino a metà settimana si attendono giornate di ghiaccio con temperature massime di molti gradi sotto le medie, minime eccezionalmente basse e gelate diffuse da Nord a Sud. E l’inizio di settimana vedrà nuove nevicate fino a bassa quota lungo il versante adriatico e venti localmente anche forti al Centro-Sud: è il quadro tracciato da Meteo.it. “La vasta depressione che si è isolata col proprio carico di aria gelida in corrispondenza dei Balcani, resterà pressoché stabile sulla propria posizione fino a mercoledì mantenendo un clima decisamente rigido sulle nostre regioni dove, nonostante qualche timido rialzo termico, le temperature resteranno su livelli al di sotto della media, con minime di nuovo sottozero in maniera diffusa.

Fra giovedì e venerdì, con buona probabilità – spiegano i meteorologi di Meteo.it – le correnti occidentali atlantiche tenderanno ad abbassarsi di latitudine finendo per interessare anche l’area del Mediterraneo centrale e i Balcani. Di conseguenza l’aria gelida preesistente verrà scalzata, seppur temporaneamente, da aria relativamente più mite che sarà causa di precipitazioni al Centrosud e parte del Nordest, ma con limite delle nevicate in notevole risalita”. Oggi, intanto, si sono registrate temperature massime eccezionalmente basse in tutto il Paese. Nelle primissime ore del pomeriggio non siamo andati oltre gli zero gradi in molte città dell’Emilia, tra cui Bologna e Parma. Registrato 1 grado a Torino, Milano, Bergamo, Venezia; da sottolineare gli zero gradi di Perugia. A Firenze 3 gradi, Roma 2 gradi, a Lecce zero gradi; in particolare, massime comprese tra -2 e 3 gradi in Puglia, che è risultata la regione più fredda. Per domani, lunedì 9 gennaio, prevista prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso al Nord, regioni centrali tirreniche e Sardegna. Nubi sparse nelle altre regioni, ma accompagnate da scarso rischio di fenomeni. Verso sera nubi in aumento in Liguria con isolate piogge nel settore centrale; nubi in aumento anche in Sardegna con piogge nel settore di nordovest; deboli nevicate possibili su Abruzzo, Molise e interno della Puglia; isolate piogge anche sulla Sicilia tirrenica. Temperature in ripresa, ma ancora diffusamente sottozero all’alba; massime quasi ovunque inferiori alla norma. Venti ancora moderati settentrionali al Centrosud.

“La nostra previsione per lunedì ha un Indice di affidabilità medio (IdA pari a 75-80) al Centrosud, alto (IdA pari a 90) al Nord”, spiegano i meteorologi di Meteo.it. Per martedì attese schiarite sempre più ampie sulle regioni tirreniche della penisola; prevalenza di sole anche sulle Alpi centro-orientali. Nubi sparse nelle altre zone con isolate precipitazioni intermittenti su isole maggiori e bassa Calabria, nevose oltre 600-800 metri. Qualche pioggia anche nel Ponente ligure, specie nella prima parte del giorno. Fra pomeriggio e sera non si escludono brevi e deboli nevicate sulle Alpi occidentali e la vicina pianura piemontese. Temperature massime in flessione al Centronord a causa di un nuovo rinforzo dei gelidi venti orientali. Secondo la tendenza meteo, analizzata dai meteorologi di Meteo.it, fino a mercoledì la massa d’aria gelida che staziona sui Balcani continuerà a interessare l’Italia: il clima resterà dunque decisamente rigido, con ancora qualche fiocco di neve lungo il versante adriatico. Tra giovedì e venerdì, invece, probabile innesco di correnti atlantiche più miti, che avranno il merito di scalzare, seppur temporaneamente, questa massa d’aria gelida, favorendo un più sensibile rialzo delle temperature. La particolare circolazione atmosferica continuerà a favorire il deficit di precipitazioni, con clima di conseguenza siccitoso, al Nord, soprattutto al Nordovest. E – sottolineano i meteorologi di Meteo.it – “si conferma, ancora una volta, l’aspetto estremo delle condizioni climatiche che caratterizzano gli ultimi mesi”.

askanews