Gaza, ultime ore di tregua. Abu Mazen a sostegno dei negoziatori egiziani

GAZA

Ultime ore di tregua tra Hamas e Israele. Nella Striscia di Gaza, dove le strade e i palazzi portano ancora i segni dei combattimenti delle ultime settimane, la vita continua. Domenica a Rafah la celebrazione di tre matrimoni in una scuola Onu. Un momento di festa che in molti sperano possa essere seguito da altri.

Poco lontano dai festeggiamenti, però, la realtà del conflitto è viva. Sostenitori di Hamas hanno organizzato una manifestazione contro Israele. Nessuno, tra israeliani e palestinesi sembra credere nel successo dei negoziati indiretti in corso al Cairo. Per il Premier israeliano Nethanayu
Hamas non può pensare di compensare la sconfitta militare con un successo politico. Tra i nodi cruciali dei negoziati: la riapertura dei valichi a Gaza e la costruzione del porto, che Israele accetta solo a patto della demilitarizzazione di Hamas.

“Siamo a favore di un accordo che soddisfi i cittadini palestinesi” afferma il portavoce di Hamas “ Siamo pronti a tutte le opzioni. La parola ora spetta a Israele. Hamasa risponderà a quello che sarà deciso da Israel”

In soccorso dei negoziatori egiziani è arrivato il Presidente dell’Autortià palestinese Abu Mazen che ha inviato un suo consigliere politico a Doha, dove risiede il leader di Hamas Khaled Meshal per spingerlo ad accettare le proposte egiziane.

 Euronews