Garcia: Roma da applausi. Destro: Un gol voluto

DESTRO-E-GARCIA

«Il successo è arrivato grazie alla nostra pazienza. In queste partite bisogna essere efficaci e aspettare il momento giusto per colpire. Prima o poi la gabbia si apre…». Rudi Garcia è felice del successo contro il Verona. Tre punti che permettono alla Roma di proseguire la sua marcia a punteggio pieno in classifica. «Gervinho e Florenzi decisivi? I cambi sono importanti ma vuol dire che Ljajic e Totti hanno fatto benissimo prima visto che alla fine il Verona era stanco», ha proseguito il tecnico francese. «Manolas meglio di Benatia? Ha tante qualità, soprattutto la velocità. Sul piano tecnico è tranquillo, in futuro farà anche gol. Non mi interessa fare paragoni. Il gol di Destro? In quella esecuzione ci sono la classe e l’istinto del bomber. Un gesto da attaccante puro. Se Totti può giocare anche con City e Juve? Lascio ai media questa riflessione. Totti ha detto che io riesco da sfruttare i giocatori al 101% e che sono un ‘paraculo’? I giocatori non sono da meno per questa cosa. Ma sono deluso, devo ancora lavorare per far rendere i miei giocatori al 102%», ha concluso sorridendo Garcia.

DESTRO: «UN GOL COSI’ LO CERCAVO DA TEMPO» – Ha parlato anche Mattia Destro, protagonista della seconda rete giallorossa contro il Verona con un tiro da 45 metri. «Il gol? Ci pensavo da tempo a fare una rete del genere. Ho visto il portiere fuori dai pali, ci ho provato e ci sono riuscito. L’abbraccio con Garcia? Si sono fatte polemiche per nulla, non ce n’era motivo. E’ brutto vedere che si tirano fuori certi discorsi per creare casino. Corsa a due con la Juve? Sarà un bel campionato e noi pensiamo solo al nostro cammino», ha detto l’attaccante giallorosso.

CORRIERE DELLO SPORT