Garcia: «Resto finché la Roma mi vuole. Ho solo detto la verità»

ROMA  ATALANTA

“Io resto a Roma finché mi vogliono“. Rudi Garcia prova a fare chiarezza sul proprio futuro dopo la conferenza stampa in cui ha messo in piazza i limiti della società giallorossa. Il tecnico francese, nel post-partita della gara persa col Palermo, sottolinea ancora una volta la forza della Juventus (“Ho solo detto la verità, sta per fare il triplete e non è raggiungibile“), e poi spiega il senso del suo discorso a Trigoria: “È stato preso per un attacco, ma è tutto il contrario: io ho fatto solo in modo di proteggere tutti. Le mie dichiarazioni di ieri hanno permesso di proteggere la crescita del club, Roma non si è fatta in un giorno e per il club è lo stesso. La Roma ha un presidente fantastico, è una società ambiziosa, e anche io lo sono. Il nostro obiettivo ora è giocare la Champions il più possibile“.

LA SPIEGAZIONE – “Quando ho parlato di scudetto dopo Juve-Roma l’ho fatto perché bisognava lottare contro il pessimismo e dare carica alla squadra – aggiunge -. Probabilmente, se non l’avessi fatto, non saremmo arrivati neanche in Europa League. Per il futuro che investimenti servono? Ora c’è tutto il tempo per lavorare. La sintonia c’è, la dirigenza americana e quella italiana vanno d’accordo. Lavoriamo insieme e prendiamo le decisioni insieme e questo non cambierà. Per me non ci sono problemi. La partita col Palermo? Devo dire che odio perdere, però questa sera non era importante, il nostro obiettivo era già centrato“.

CORRIEREDELLOSPORT.IT