Garcia: “Porterò la mia Roma al centro del mondo”

garcia

Ancora la Fiorentina, nel quarto di finale di Coppa Italia, come il 16 gennaio 2013 al Franchi.Due anni dopo, stesso match da dentro o fuori, ma all’Olimpico. Come fosse la rivincita di quella notte che, lunghissima fino ai supplementari, finì con il successo dei giallorossi. Montella, mai capace di battere la sua ex squadra nei 9 precedenti (6 sconfitte e 3 pareggi), è sempre sulla panchina viola; nella Roma non c’è più Zeman che, in emergenza, ripudiò incredibilmente la sua idea calcistica, scegliendo la linea a 3 e non a 4 in difesa, per andare avanti. E non è più qui nemmeno Destro che firmò il gol qualificazione. Chi passa stasera, avrà in premio la doppia sfida contro la Juve, rivale odiatissima per entrambe. E’ l’obiettivo dichiarato di Garcia: «Vogliamo arrivare in semifinale, ma anche se ho pensato ai bianconeri, non sono loro a fare aumentare le nostre motivazioni. Noi dobbiamo fare il nostro contro la qualità dei viola».

APPELLO ALLA GENTE –  «Non è questo il momento più delicato della mia gestione, ma quando arrivai sulle macerie: sto ricostruendo da diciannove mesi». Il francese ci tiene a chiarirlo perché non dimentica che cosa trovò a Trigoria dopo la finale persa il 26 maggio 2013 contro la Lazio. Stasera riapre la Sud e Garcia si rivolge proprio ai tifosi: «Non ci fermiamo, il futuro di questa società e della mia Roma è la vittoria. E ridare orgoglio alla sua gente. È bizzarro dirlo ora: non voglio che la Roma sia al centro del villaggio, la voglio al centro dell’Italia, forse anche del mondo. Serve pazienza. E sicurezza nei nostri mezzi. Non dobbiamo mai arrenderci, anche nella difficoltà e quando la sfortuna ci si mette contro. Ritroviamo il cuore della tifoseria: sabato ci è mancato. Al nostro pubblico garantisco che i giocatori daranno il cento per cento: pure se non ci riesce tutto, non accetterei mai di vederli mollare. Siamo comunque i primi a essere dispiaciuti per il digiuno di vittorie». L’ultimo sorriso in casa è lontano: 30 novembre contro l’Inter. A seguire 5 pari di fila all’Olimpico, contando anche quello al 90° nell’ottavo di Coppa Italia (successo poi ai supplementari): contro il Sassuolo, il Milan, la Lazio e per due volte, una dopo l’altra, l’Empoli. «Soffriamo di pareggite acuta».

EMERGENZA E SOFFERENZA –  «Abbiamo perso Iturbe, Strootman e neanche nomino Castan. Con tanti infortuni viene a mancare un pò di freschezza. A centrocampo e in attacco siamo contati, dietro giocherà Manolas». Il difensore, squalificato a Cagliari, partirà dall’inizio.Spazio ai migliori (più Skorupski e Cole), proprio come farà Montella che ha rinunciato al ritiro e arriverà nella capitale in treno prima di pranzo. «Nessun alibi per le assenze: possiamo vincere contro tutti» avverte. Il messaggio è al gruppo che ha perso l’autostima. «Non è facile tornare in partita se la squadra non è forte mentalmente. Dobbiamo migliorare l’approccio iniziale alle gare, per non cominciare con l’handicap. Se si fa un metro in più per aiutare il compagno, allora diventa tutto più semplice. I giocatori sono uniti, ma devono dare di più. La preparazione non c’entra e si vede dal comportamento nei secondi tempi. Bisogna solo ritrovare la fiducia. Chi mi conosce bene sa che più le cose si fanno dure, più sono carico e più credo nella mia squadra. Finchè i giocatori danno tutto in campo».

IL MESSAGGERO