Garcia: “Non accetterò di essere infangato. E’ un attacco al mio onore”

garcia 345

“Non accetterò che si cerchi di infangarmi – ha detto l’allenatore della Roma Rudi Garcia -, mi batterò con ogni mezzo per difendermi da questa ingiustizia e da queste menzogne. Denuncio questo intollerabile attacco al mio onore”.

DENUNCIA — Dopo la squalifica per due giornate seguita ai fatti di Genoa-Roma – decise dal giudice sportivo sulla base della tentata aggressione denunciata da uno steward – il tecnico giallorosso aggiunge: “In seguito alle accuse infondate, che sono state rivolte contro di me, e alla sanzione di cui sono vittima, denuncio questo intollerabile attacco al mio onore e alla mia reputazione”. “Tutta la mia carriera di calciatore, educatore e allenatore testimonia un comportamento esemplare che non è mai venuto meno – sottolinea Rudi Garcia -. Non accetterò che si cerchi di infangarmi attribuendomi gesti aggressivi che non ho commesso, che deploro e che sono contrari alla mia educazione. Mi batterò con ogni mezzo a mia disposizione per difendermi da questa ingiustizia e da queste menzogne”.

GAZZETTA DELLO SPORT