Garcia: “Grande reazione”. Ljajic: “Non molleremo”

Atalanta BC v AS Roma - Serie A
Dopo il 2-2 con la Lazio e l’1-1 col Palermo, arriva Fiorentina-Roma 1-1: ma Rudi Garcia, con la Juve a +7, vede il bicchiere mezzo pieno. “La reazione è stata importante, abbiamo fatto un ottimo secondo tempo – spiega il tecnico giallorosso – potevamo fare meglio nel primo, ma abbiamo trovato una Fiorentina che aveva grande qualità. Abbiamo difeso andando indietro, era previsto l’esatto contrario. La mia Roma voleva vincere anche sotto di un gol, non è la voglia che ci manca. Abbiamo pareggiato con Ljajic, sfruttando un bell’assist di Iturbe, che oggi ha dimostrato di essere un giocatore di grande talento: bene per lui e per noi se continuerà a giocare come questa partita. Strootman? Il dottore l’ha visto, sembra che non sia grave, ma con un ginocchio bisogna stare sempre attenti. Vediamo nelle prossime ore che succede, lui ha già pagato tanto con li infortuni. Nel primo tempo se non difendiamo in avanti e non vinciamo i duelli è difficile verticalizzare il gioco: nel secondo siamo stati più aggressivi”.
NUOVO MODULO — “Abbiamo deciso di difendere con un modulo differente – prosegue Garcia – con un 4-3-1-2, rimettendo Ljajic dietro le due punte, e siamo andati molto meglio. Mattia (Destro, subentrato al 34′ a Totti, ndr) ha giocato pochi minuti, ma lo ha fatto con qualità, muovendosi bene, non siamo stati bravi noi a trovarlo. L’attacco ha giocato bene, anche il capitano ha illuminato il gioco. E Adem ha segnato, per lui è una gara particolare. Ma di mercato non parlo, non è il momento”.
LJAJIC — “Sapevamo che la Fiorentina è un’ottima squadra, con tanti giocatori forti che fanno un bel possesso palla – ha commentato l’autore dell’1-1, Adem Ljajic – nel secondo tempo siamo usciti in modo migliore, non è bastato, ma ora dobbiamo guardare avanti. Non potevo esultare dopo il gol, conosco tante persone, ho ancora casa qui, non potevo proprio. Fare il trequartista è il mio ruolo, ma non è strano giocare a sinistra o destra, non è un problema. Juve in fuga? Noi guardiamo a noi stessi, la strada è ancora lunga, ci sono tante partite da giocare, non molleremo fino alla fine”.
GAZZETTA DELLO SPORT