Galliani benedice Taarabt nella serata marocchina

taarabt_milan

Dall’investitura di Adriano Galliani alla rimpatriata in salsa marocchina. Una serata emozionante per Adel Taarabt, il talento che in rossonero sta trovando la retta via. Da «Giannino», casa milanista, s’incrociano due comitive insolite. Taarabt, infatti, è ospite di Aziz Bouderbala, 53 anni, stella del Marocco che nel Mondiale messicano del 1986 volò sino agli ottavi. Il delizioso centrocampista che a quei tempi fu a un passo dal vestire la maglia dell’Inter, è ora assistente tecnico in nazionale e secondo i rumors è candidato a diventare prossimo ct in vista della prossima Coppa d’Africa che si giocherà proprio nel paese maghrebino. Bouderbala è a Milano proprio per avviare un rapporto di collaborazione per le giovanili: ne parlerà anche all’Inter. Ma ha sfruttato l’occasione per incontrare i suoi connazionali più in vista in Italia. Benatia ha dovuto rinunciare per l’impegno della Roma con il Parma. Invece hanno aderito il neo-milanista e Omar El Kaddouri del Torino. Per l’occasione ci sono anche i giornalisti di BeIn Sport e di radio Mars, l’evento suscita grandi attenzioni. E l’atmosfera conviviale è amichevole, ricca di aneddoti del calcio marocchino.

Il vicino Nella sala accanto, invece, Adriano Galliani sta festeggiando il compleanno della sua compagna, Helga Costa. Il clima è assolutamente informale e l’a.d milanista non si lascia sfuggire l’occasione per un saluto tanto rapido quanto significativo. Soprattutto per il suo pupillo: «Taarabt lo seguivo da tempo: mi ha sempre impressionato per le sue qualità, ma mi fa piacere che le stia confermando appieno anche nel Milan». Non aggiunge altro. Né sarebbe il caso. Ma le parole del manager rossonero dicono tanto sul futuro di Adel, ora in prestito dal Qpr. Il Milan ha un diritto di riscatto per circa 7 milioni, la trattativa è ancora tutta da fare, ma le buone intenzioni sono palesi.

L’aneddoto C’è spazio anche per le speranze di El Kaddouri, ora in prestito al Toro, ma di proprietà del Napoli. E’ lo stesso Galliani a ricordare un precedente di poco più di un anno fa. «Ricordo che avviammo una trattativa col Brescia, ma non si concretizzò. Magari per il futuro…». Quest’auspicio appare meno concreto del precedente. Anche perché il club granata ha un diritto di riscatto per 3,5 milioni, mentre il Napoli può riprenderlo alzando la posta di 500 mila euro. El Kaddouri è alla finestra, ma ribadisce che con Ventura ha un ottimo rapporto: «Ha rinnovato, io con lui mi sono trovato bene, resterei volentieri». E spazza le polemiche dopo l’esultanza per il gol al Cagliari: «Tutto chiaro tra noi».

GAZZETTA DELLO SPORT