Funerali Casamonica, Corte d’Appello firma la scarcerazione per figlio boss I carabinieri consegnano il permesso

funerale-casamonica-770x453

Un permesso «urgentissimo» firmato dal presidente della prima sezione della Corte d’Appello Giorgio Maria Rossi e trasmesso alla tenenza dei carabinieri di Ciampino. Oggetto: consentire ad Antonio Casamonica, figlio di Vittorio, di partecipare ai funerali del padre, presso la parrocchia di San Giovanni Bosco al quartiere Cinecittà di Roma. Antonio è agli arresti domiciliari e l’istanza viene inoltrata alla Corte dal suo avvocato, Mario Giraldi, il giorno 19 agosto. Serve appunto un permesso per assistere alle esequie e alla tumulazione al Verano, scrive il legale. L’istanza viene accolta. I magistrati autorizzano «l’imputato ad allontanarsi dalla propria abitazione» dalle 10 alle 14. Il tempo di assistere alla cerimonia funebre. La notifica viene trasmessa alla tenenza di Ciampino, il comune adiacente Roma in cui dimora il figlio del capoclan. Dunque a questo punto dopo la decisione della Corte d’appello di Roma i carabinieri erano stato ufficialmente informati degli imminenti funerali.

Scarcerazione per i nipoti
Al mattino del 20, circa un’ora prima dell’avvio del corteo funebre, il presidente della sezione Rossi firma inoltre un altro permesso, questo per i coniugi Consilio e Loreta Casamonica, nipoti di Vittorio e anch’essi ai domiciliari. L’istanza viene inoltrata dall’avvocato Andrea Palmiero e viene accolta. Il permesso urgente viene inoltrato alla stazione dei carabinieri di Tor Vergata e al commissariato di zona. La coppia può così dare l’ultimo saluto al boss.

«O’ sole mio» al Verano
A questo punto spostiamoci davanti al sagrato. Cerimonia funebre in corso. Emedley di tutto rispetto, quello che racconta l’ultimo saluto a Vittorio. Prima le note dello Strauss ascoltate nella colonna sonora di «2001 Odissea nello spazio», quelle del «Padrino» e di «Paradise». Poi al Verano, mentre la bara veniva calata nella tomba di famiglia, «O’ Sole mio». Dirige il maestro Francesco Procopio, ex carabiniere in pensione. Quando Corriere.it lo contatta, lui chiarisce che sta raggiungendo il suo avvocato per tutelarsi da chi ha scritto che per l’esibizione la «Banda orchestrale della Regione Lazio» – questo il nome del suo gruppo, comunque non collegato all’ente di governo locale – ha ricevuto non solo un compenso, ma anche una «maggiorazione» dovuta al fatto che le esecuzioni sono state improvvisate. Richieste all’ultimo momento. Non è così sostiene Procopio, diplomato al Conservatorio, autore di una composizione dedicata ai caduti di Nassiriya; ci tiene a chiarire che la partecipazione è stata del tutto «gratuita, noi suoniamo tutti per passione». E poi «figurarsi, se avessi saputo chi era Vittorio Casamonica mai avrei acconsentito a suonare».

«Strauss? Lo ha suonato solo la tromba»
Quanto al repertorio, il maestro spiega di essersi presentato con i libretti delle marce funebri, quelli con i brani che la banda suona nelle occasioni dei funerali. «Abbiamo attaccato con “L’addio al padre” poi ci è stato chiesto di cambiare. Volevano cose allegre, possibilmente apprezzate dal loro congiunto. Abbiamo improvvisato tutto, salvo “My Way”, uno dei miei pezzi forti. Il “Così parlo Zarathustra” di “Odissea nello spazio”? Lo conosceva solo la tromba. E lo ha suonato lui».

Corriere della Sera