Fiorentina, esonerato Montella: “Venuta meno la fiducia”

MONTELLA_FIO

La Fiorentina esonera Vincenzo Montella. L’annuncio, è arrivato attraverso un comunicato della società. ” ACF Fiorentina – si legge – ha valutato il comportamento ultimamente tenuto dal proprio allenatore Vincenzo Montella come la precisa volontà di liberarsi da un contratto legittimamente firmato meno di due anni fa perché contenente una clausola che l’allenatore non ritiene più nel suo interesse, ma che a suo tempo aveva concordato. Così, con grande rammarico, dobbiamo prendere atto del fatto che è venuto meno il rapporto fiduciario necessario per la prosecuzione di qualunque rapporto e siamo pertanto costretti – per il bene della società– ad esonerare Vincenzo Montella. Questa situazione repentina ovviamente ci crea problemi organizzativi che dobbiamo risolvere con urgenza. Ci saremmo aspettati dall’allenatore un comportamento più chiaro, più rispettoso e meno ambiguo nei confronti di una maglia, dei suoi tifosi e di una società che tanto gli hanno dato”.

LA GIORNATA — Giornata frenetica in casa viola con la sofferta decisione finale che porta ad un divorzio forse inevitabile. Del resto le ultime settimane avevano registrato momenti di freddezza ed altri di tensione, sfociati con due comunicati nella serata di giovedì scorso che facevano pensare alla probabile rottura. La voglia di togliere una clausola rescissoria inserita meno di due anni fa nel contratto appena rinnovato e la continua richiesta di garanzie anche a mezzo stampa, gli atteggiamenti del tecnico che non sono andati giù alla società. Montella dal canto suo si sarebbe aspettato una linea più morbida dalla Fiorentina dopo le buone stagioni trascorse alla guida della Viola, oltre ad una presa di posizione pubblica sugli obiettivi che la stessa Fiorentina avrebbe dovuto perseguire nelle stagioni future. La convinzione che l’attuale rosa avesse fatto più del massimo, andando oltre i propri limiti, ha fatto il resto.
FUTURO — È finita decisamente male quindi, con la Fiorentina che si trova adesso a dover cercare un altro tecnico per poi iniziare a lavorare sul mercato. Decisamente in pole rimane sempre il tecnico del Basilea Paulo Sousa, con Giampiero Ventura outsider e Roberto Donadoni in terza posizione: anche se l’ex guida del Parma sarebbe il più semplice da raggiungere. Sembra destinato a rimanere un sogno per alcuni tifosi, invece, il profilo di Luciano Spalletti.
LA GAZZETTA DELLO SPORT