Fi, 10 senatori aderiscono a movimento Fitto, possibile scissione

FITTO

Dieci senatori di Forza Italia e altri due di Gal, gruppo di centrodestra all’opposizione, hanno annunciato oggi la loro adesione al movimento del dissidente di Fi Raffaele Fitto, in rotta con Silvio Berlusconi.

La mossa potrebbe preludere alla costituzione di un gruppo autonomo a Palazzo Madama, per il quale bastano 10 senatori, riducendo di oltre un sesto la consistenza di Forza Italia al Senato, che ad oggi conta 58 membri.

I senatori di Fi Bonfrisco, Bruni, D’Ambrosio Lettieri, Falanga, Liuzzi, Longo, Pagnoncelli, Perrone, Tarquinio, Zizza e di Gal Di Maggio e Milo hanno detto in una nota che aderiscono all’associazione “Conservatori e riformisti” dell’eurodeputato Fitto.

“Condividiamo questa nuova direzione per il centrodestra italiano. E riteniamo che un nuovo progetto, credibile e rivolto al futuro, possa rivolgersi ai 9 milioni di elettori che negli ultimi anni hanno lasciato il centrodestra, scegliendo l’astensione”, si legge nella loro nota.

La scissione tra fittiani e lealisti berlusconiani, dopo mesi di polemiche, si è già consumata con la presentazione delle liste alle prossime Regionali in Puglia dove i due gruppi si sono presentati divisi e sostengono due diversi candidati governatori.

Dopo le Regionali Fitto dovrebbe dire se uscirà da Forza Italia per costituire suoi gruppi parlamentari a Camera e Senato.

Forza Italia potrebbe poi dimezzarsi in Parlamento se anche i seguaci di Denis Verdini, il promotore dell’intesa tra Fi e il premier Matteo Renzi sulle riforme, rompessero con il partito.

 

 

Reuters