Europei 2016: manita Spagna. Inghilterra, Welbeck-show

SPAGNA_MACE
Dopo le sorprese di ieri (Portogallo battito in casa dall’Albania, Grecia dalla Romania, vittoria a fatica della Germania sulla Scozia) e in attesa del debutto dell’Italia (domani ad Oslo con la Norvegia) è ripartita oggi la corsa ad Euro 2016. All’esordio i gironi C, E e G. Tre big (e un campione) in campo tra Spagna, Inghilterra, Russia e la Svezia di Ibrahimovic.
ZAR FABIO PARTE BENE — Nel gruppo G la Russia di Capello, dopo il deludente Mondiale ha esordito con una prevedibile vittoria contro il Liechtenstein 4-0. A Mosca primo tempo sofferto con un solo gol (la punizione di Ignashevich deviata da Martin Buchel), ripresa sul velluto dopo il comico autogol di Burgmeier. Kombarov fa tris su rigore e la chiude Dzyuba. Nel Liechtenstein titolare al centro della difesa l’ex punta di Siena e Verona Mario Frick. Nello stesso girone c’è anche la Svezia di Zlatan Ibrahimovic che ha pareggiato 1-1 con l’Austria a Vienna. Dopo i gol da record contro l’Estonia in amichevole, l’ex Milan non si è ripetuto ed anzi ha catalizzato le polemiche per una gomitata (non si sa quanto volontaria) ad Alaba, autore su rigore del vantaggio austriaco al 7′. La risposta degli scandinavi è arrivata al 12′ con Zengin. In Montenegro-Moldavia decisivo l’ex Juve Mirko Vucinic, autore del primo gol. Raddoppio di Tomasevic nel finale e Moldavia k.o. 2-0.
PRIME VOLTE — Il girone C ha visto l’esordio vincente della Spagna a Valencia contro la Macedonia. Cinque a uno per gli uomini di un Del Bosque che ha iniziato la rivoluzione delle Furie Rosse. Fuori per vari motivi Xavi, Xabi Alonso, Villa, Piquè, Reina, Torres e Mata ma dentro tanti volti nuovi più o meno giovani che però hanno fatto il loro dovere. Una manita per dimenticare il flop Mondiale. A segno Sergio Ramos (cucchiaio su rigore), Paco Alcacer al debutto coi grandi, Busquets (primo gol in Nazionale anche per lui), Silva e nel recupero Pedro. Nel mezzo il gol della Macedonia, con l’ex Cagliari Ibraimi su rigore (dubbio). Nel secondo tempo debutto – attesissimo – per il baby talento del Barcellona Munir. La Slovacchia sorprende l’Ucraina fuori casa e porta a casa i tre punti grazie al gol di Mak al 17′. Al Lussemburgo non riesce l’impresa, vantaggio con la Bielorussia a firma Gerson ma Drahun a 12′ dalla fine impatta per l’1-1- finale.
DOPPIO WELBECK — Nel gruppo E debutta vincendo ma non convincendo l’Inghilterra di Hodgson. Tre punti d’oro sul campo della Svizzera del nuovo c.t. Petkovic grazie ai gol di Welbeck al 15′ della ripresa e all’ultimo minuto di recupero. L’operazione-riscatto, dopo la delusione in Brasile, è cominciata. A Tallinn la Slovenia resta in 10 al 79′ (rosso per Stefanovic) e l’Estonia ne approfitta con Purje – entrato da un minuto – che batte l’interista Handanovic all’86’. Vano infine il primo tentativo di far punti da parte di San Marino. Onorevole comunque lo 0-2 interno con la Lituania che sorride coi gol di Matulevicius e Novikovas.
GAZZETTA DELLO SPORT