Eurogruppo: giu’ le tasse su lavoro. Botta e risposta Renzi-Katainen

Jyrki_Katainen_in_June_2013_(cropped)

L’Eurogruppo e’ impegnato per ridurre il carico fiscale sul lavoro e oggi ha discusso principi comuni riguardanti questo obiettivo. E’ la dichiarazione diffusa in chiusura dei lavori della riunione dell’Eurogruppo oggi a Milano. “Ridurre il carico fiscale sul lavoro – afferma una nota – significa sostenere i consumi, stimolare l’offerta di lavoro e l’occupazione, cosi’ come migliorare la competitivita’ sui costi e la redditivita’ delle aziende. Aumentera’ percio’ la domanda, la crescita e il sostegno alla creazione di posti di lavoro e il contributo al regolare funzionamento dell’Unione monetaria”.

Intanto c’e’ da registrare la risposta che il futuro vicepresidente della Commissione europea, il falco Jyrki Katainen, ha dato al premier Matteo Renzi. “Non vogliamo lezioni dalla Ue” aveva detto Renzi. L’Europa non fa nessuna lezione all’Italia perche’ “non siamo maestri ma collaboratori”. “La Commissione europea non e’ una maestra – ha detto al termine della riunione dell’Eurogruppo a Milano – siamo dei collaboratori. Stiamo solo interpretando quanto bene i vari paesi stanno rispettando i loro impegni e quanto hanno promesso agli altri stati membri”.

Per ricercare una maggiore crescita in Europa “si puo’ fare molto anche all’interno delle regole esistenti”. “Il patto di stabilita’ permette flessibilita’ a certe condizioni – ha ricordato – l’importante e’ che non ci siano interpretazioni assolute, in bianco o nero, non si deve scegliere ripresa o consolidamento, perche’ la situazione non e’ cosi’ semplice. Secondo Katainen “occorre un’interpretazione sana del consolidamento di bilancio perche’ migliori la fiducia e considerare con attenzione la composizione della spesa pubblica affinche’ piu’ paesi creino priorita’ tra gli investimenti.

Occorrono riforme per la competitivita’, questo e’ il problema dell’Europa, sono problemi strutturali piu’ che ciclici. Oggi il dibattito e’ stato soddisfacente, anche tra i ministri c’e’ intesa su questo punto”.

AGI