Euro 2016: Slovacchia, Ungheria e Irlanda del Nord qualificate agli ottavi di finale

HAMSIK_NAP

ROMA – Oltre a Germania e Polonia ottengono il pass aritmetico per gli ottavi di finale di Euro 2016 anche Ungheria, Slovacchia e Irlanda del Nord. Sono questi i primi verdetti ufficiali dopo le sfide dei gruppi C e D andati oggi in scena in Francia. I magiari, che domani devono affrontare a Lione il Portogallo, sono per ora al primo posto del gruppo F con 4 punti, ma non potranno mai essere superati dall’Austria, (in virtù dello scontro diretto della gara del 14 giugno scorso) ferma a quota 1, e quindi certamente almeno terzi. Nel gruppo B, invece, la Slovacchia di Hamsik, si qualifica tra le migliori terze con 4 punti. Passa il turno anche l’Irlanda del Nord, terza a quota 3 nel girone C, ma con una differenza reti di zero gol e dunque superiore all’Albania (-2) e Turchia (-2). Eliminata la Repubblica Ceca, che dunque si aggiunge a Romania e Russia che già hanno salutato l’Europeo.

DODICI QUALIFICATE – In attesa dunque degli ultimi due gironi, E ed F, salgono così a dodici le squadre finora qualificate al turno successivo: Francia, Svizzera, Galles, Inghilterra, Slovacchia, Germania, Polonia, Spagna, Croazia, Italia, Ungheria e Irlanda del Nord. Dunque, gli ultimi quattro posti se li contederanno: Belgio, Svezia, Irlanda, Islanda, Portogallo e Austria, che ancora devono giocare un match e AlbaniaTurchia, terze a quota 3 punti nei rispettivi gironi (entrambe con una differenza reti di -2, ma con i gol fatti a favore della Nazionale di Terim), che ancora sperano di accedere agli ottavi di finale. Per quanto riguarda gli accoppiamenti già fatti, nella parte alta abbiamo Svizzera-Polonia (il 25 giugno a Saint-Etienne alle ore 15) mentre in quella bassa c’è Italia-Spagna (il 27 giugno a Saint Denis alle ore 18). Ancora tutti da decidere gli altri sei anche se il tabellone è estremamente sbilanciato. Nella parte bassa, quella degli Azzurri, ci sono tutte le Nazionali più forti: oltre alla Nazionale di Conte e alla “Roja” ecco Francia, Inghilterra e Germania. In quella alta Croazia e Galles.

CORRIEREDELLOSPORT.IT