Euro 2016, Insigne è sicuro: “Diamo il massimo per costruire un sogno”

FINALE COPPA ITALIA 2014 FIORENTINA NAPOLI

Nel giorno in cui Daniele De Rossi sembra non avere una vera chance di essere in campo a Bordeaux, Lorenzo Insigne si presenta in conferenza stampa a Casa Azzurri, in compagnia di Florenzi e Immobile. E chissà che l’infortunio del centrocampista giallorosso non faccia accarezzare a Insigne l’idea di poter giocare dal primo minuto contro la Germania. E’ difficile, perché l’ipotesi 3-4-3 (quella che gli calzerebbe a pennello) è meno gettonata rispetto a un 3-5-2 “riadattato”. Ma mai dire mai. Intanto, Lorenzo non si sbilancia: “Io il Paolo Rossi di questo Europeo? Quando vengo chiamato in causa, cerco solo di mettermi a disposizione dei compagni – dice -. Non è fondamentale che segni io o un altro, non siamo invidiosi tra di noi. L’importante è che si vada avanti”.

MARIO CHIACCHIERONE Il napoletano avrebbe voglia di parlare, quando gli riferiscono che Mario Gomez si è detto sicuro del passaggio del turno. Ma si morde la lingua. “Ci sarebbe una risposta da dare ma non si può dire”, sussurra mentre la replica di rito è affidata a Immobile, non accorgendosi che i microfoni sono aperti. Una reazione, invece, Lorenzo se la lascia sfuggire alla domanda sui tifosi improvvisamente innamorati di questa Nazionale: “Ora è facile – sibila -, ma siamo contenti che la gente ci sia vicina e continueremo a dare il massimo per far sognare i tifosi”.

ASSATANATI Ultime considerazioni sul rapporto con Conte, che non gli sta regalando tanti minuti di utilizzo ma lo tiene in grande considerazione: “L’abbraccio col c.t. prima di scendere in campo non è solo per me, è per la squadra intera – spiega Insigne -. Conte ci dice che siamo tutti importanti, vale per chiunque entri sul terreno di gioco. Stiamo dando il massimo e il c.t. ci sta trasmettendo la sua grinta. Noi lo seguiamo e andiamo in campo come degli assatanati”.

GAZZETTA.IT