erlusconi telefona ad Ancelotti: “Torna al Milan”. Carlo dirà addio al Real

ANCELOTTI_REAL
Il telefono di Carlo Ancelotti è diventato rovente nelle ultime ore: a chiamarlo, ieri sera, ci ha pensato anche Silvio Berlusconi. Il presidente, come da abitudine, interviene personalmente per risolvere le trattative complicate o quelle che, in ogni caso, rappresentano una svolta per il futuro del Milan. Il succo della conversazione? Facile: “Carlo, vieni al Milan”.
LA TRATTATIVA — Proprio così. Berlusconi ha telefonato ad Ancelotti per proporgli la panchina del Milan: da settimane il tecnico di Reggiolo era già in contatto con Adriano Galliani, il manager-amico di sempre. Ma Silvio, tutt’altro che distratto dalla trattativa per la cessione parziale della società, ha preferito far sentire anche la propria voce. Così Ancelotti, ormai in rottura con il Real Madrid dopo l’eliminazione in semifinale di Champions e il secondo posto in Liga, sembra ormai orientato ad accettare la proposta del Milan, dove ha già allenato dal 2001 al 2009. Un indizio? Bronzetti è già volato a Madrid per trattare la buonuscita dell’allenatore: domani incontrerà i vertici societari del Real Madrid, poi potrà definire con il Milan. Così, dopo Sacchi e Capello, sarà il terzo grande allenatore della storia rossonera che tornerà sulla panchina del Diavolo dopo averle detto addio.
La Gazzetta dello Sport