Doping, Schwazer: l’arbitrato sul suo caso si terrà a Rio

Alex Schwazer

La richiesta di Alex Schwazer di far svolgere l’arbitrato per il suo caso di doping a Losanna, o in un’altra città europea, è stata bocciata di nuovo dalla Iaaf. L’Associazione internazionale delle federazioni di atletica leggera ha, infatti, confermato al Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna, che aveva fatto da intermediario tra il marciatore italiano e la Iaaf, il suo secco “no” a far celebrare il processo nella località svizzera.

La Iaaf ha confermato di voler dibattere soltanto in sede olimpica e quindi non prima del 4 agosto, anche se la data non è ufficiale, e cioè il giorno prima dell’inizio dei giochi olimpici. L’arbitrato servirà per concedere o negare a Schwazer la partecipazione alla 50 chilometri olimpica in programma il 19 agosto.

ASKANEWS